Antineoplastici (antitumorali)

Che cosa sono gli antineoplastici (antitumorali)?

I farmaci antineoplastici – chiamati anche antitumorali – vengono utilizzati nel trattamento dei tumori. Ne esistono di vari tipi, distinti tra loro in base alla loro struttura chimica e al loro meccanismo d’azione. I più diffusi sono:

  • gli agenti alchilanti, capaci di modificare il DNA e prevenire la proliferazione delle cellule tumorali. Sono utilizzati per leucemie, linfomi, mieloma multiplo, sarcomi, tumori a polmone, seno e ovaio
  • gli antimetaboliti, che si sostituiscono alle molecole che normalmente sono utilizzate per la produzione di DNA e RNA. Utilizzati in caso di leucemie, tumori a seno e ovaio oltre che neoplasie del tratto intestinale
  • gli antibiotici antitumorali, che interferiscono con gli enzimi necessari per la sintesi del DNA e che vengono utilizzati per trattare molte tipologie di cancro
  • gli inibitori della topoisomerasi, che interferiscono con l’attività di alcuni enzimi coinvolti nella replicazione di DNA e vengono utilizzati per leucemie, cancri al polmone, all’ovaio e gastrointestinali
  • i farmaci antimicotici che inibiscono la riproduzione delle cellule tumorali e vengono utilizzati per trattare vari tumori come quelli a seno e ai polmoni, mielomi, linfomi e leucemie
  • i corticosteroidi che riducono la crescita delle cellule tumorali e sono utilizzati per prevenire nausea e vomito, possono essere associati alla chemioterapia per frenare eventuali reazioni allergiche ai chemioterapici
  • i farmaci che aggrediscono le cellule tumorali che agiscono sull’effetto prodotto dalle mutazioni genetiche associate ai tumori. Possono essere utilizzati come farmaci antitumorali o come farmaci da assumere dopo il trattamento antitumorale per mantenere la remissione ed evitare le recidive
  • gli agenti differenziati, che agiscono sulle cellule tumorali per renderle “normali”
  • gli ormoni, che rallentano la crescita dei tumori a seno, prostata, endometrio e che agiscono impedendo al tumore di utilizzare gli ormoni prodotti dall’organismo o impedendo la sintesi di questi ultimi
  • i farmaci che stimolano il sistema immunitario in modo tale che riconosca e attacchi le cellule tumorali e che vengono utilizzati nella cosiddetta immunoterapia.

 

Come si assumono gli antineoplastici (antitumorali)?

I farmaci antineoplastici possono essere assunti per via orale sotto forma di compresse o capsule, oppure attraverso iniezione per via endovenosa, intramuscolare, sottocutanea, arteriosa, intratecale o intracavitaria.

Il loro utilizzo deve essere sempre eseguito a seguito di prescrizione medica. 

 

Controindicazioni degli antineoplastici (antitumorali)?

I farmaci antineoplastici possono avere controindicazioni che variano a seconda del tipo di trattamento e della situazione specifica del paziente. Tra le più diffuse ci sono: debolezza, nausea, vomito, perdita dell’appetito, stipsi, diarrea, perdita dei capelli, neuropatie, problemi all’udito, a pelle e unghie, aumento del rischio di infezioni, sanguinamenti o anemia, danni ad altri organi come cuore, fegato, reni e polmoni.

 

I principali antineoplastici (antitumorali)

Leggi gli approfondimenti:

Altri principali antineoplastici (antitumorali) sono:

  • Acido Nalixidico
  • Altretamina
  • Asparaginasi
  • Axitinib
  • Bevacizumab
  • Bleomicina
  • Bosutinib
  • Buserelina
  • Cabazitaxel
  • Capecitabina
  • Carboplatino
  • Carmustina
  • Cetuximab
  • Ciclofosfamide
  • Cisplatino
  • Citarabina
  • Cladribina
  • Crizotinib
  • Dabrafenib
  • Dacarbazina
  • Dactinomicina
  • Dasatinib
  • Daunorubicina
  • Doxorubicina
  • Etoposide
  • Everolimus
  • Exemestano
  • Floxuridina
  • Fludarabina Fosfato
  • Fluorouracile
  • Gemcitabina
  • Goserelina
  • Imatinib
  • Interleuchina-2
  • Irinotecano
  • Lapatinib
  • Lenalidomide
  • Lenogastrim
  • Letrozolo
  • Leucovorin
  • Leuprolide
  • Leuprorelina
  • Lomustina
  • Mercaptopurina
  • Metirosina
  • Metotrexate
  • Mitomicina
  • Mitotano
  • Mitoxantrone
  • Molgramostim
  • Nilotinib
  • Omacetaxina
  • Paclitaxel
  • Pazopanib
  • Pentostatina
  • Plicamicina
  • Procarbazina
  • Raloxifene
  • Semustina
  • Sorafenib
  • Sunitinib
  • Taxolo
  • Temsirolimus
  • Teniposide
  • Tioguanina
  • Topotecano
  • Toremifene
  • Trametinib
  • Trastuzumab
  • Triptorelina
  • Vandetanib
  • Vemurafenib
  • Vinblastina
  • Vincristina
  • Vinorelbina.