COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Cladribina

La cladribina è un antineoplastico (antitumorale), nello specifico un farmaco citotossico – quindi capace di danneggiare le cellule fino a provocarne la morte – analogo della purina, che è tra le sostanze chimiche fondamentale di cui è costituito il DNA.

Introdotta nell’organismo, la cladribina viene convertita nei linfociti in una sostanza chimica capace di intervenire nella produzione di nuovo DNA, impedendo la divisione cellulare e rallentando la progressione della malattia.

A che cosa serve la cladribina?

La cladribina è utilizzata per curare la laucemia a cellule capellute, un tipo di cancro che viene causato da una produzione incontrollata di linfociti B, un tipo di globuli bianchi.

Come si assume la cladribina?

La cladribina viene assunta per infusione endovenosa.

Quali effetti collaterali ha l’assunzione cladribina?

Tra gli effetti collaterali dovuti all’assunzione di cladribina, ci sono: infezioni, mielosoppressione (diminuzione numerica de gli elementi figurati del sangue), porpora, immunosoppressione (indebolimento del sistema immunitario), vertigini, diminuzione dell’appetito, respirazione anomala, vomito, nausea, tosse, diarrea, stitichezza, eruzione cutanea, affaticamento, febbre, brividi e debolezza.

Quali sono le controindicazioni all’uso di cladribina?

La somministrazione di cladribina non deve essere effettuata:

  • nei pazienti che potrebbero essere ipersensibili a questo principio attivo
  • nei pazienti con età inferiore ai 18 anni
  • nei pazienti che soffrono di malattie a carico di reni o fegato di entità da moderata a grave
  • nel corso della gravidanza o dell’allattamento
  • nei pazienti che sono già in cura con altri medicinali che riducono la produzione di cellule ematiche.

Nei pazienti con età maggiore ai 65 questo farmaco deve essere somministrato con cautela, effettuando frequenti controlli a fegato, reni e sangue.

Avvertenza

Le informazioni riportate sono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico.

Prenota una visita

Prenotazioni

Servizio Sanitario Nazionale: 035 4204300
dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16

Privati e Convenzionati: 035 4204500
dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13