Pomodoro

Il pomodoro è originario del Centro America ed è il frutto del Lycopersicon esculentum, pianta appartenente alla famiglia delle solanaceae.

In Italia la maturazione stagionale dei pomodori avviene tra maggio e settembre.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali del pomodoro?

100 grammi di pomodoro crudo forniscono un apporto di circa 19 calorie, così ripartite: 69% carboidrati, 21% proteine e 10%lipidi.

Inoltre, nella stessa quantità sono contenuti:

È inoltre una buona fonte di alfa e beta-carotene, oltre che di luteina/zeaxantina e licopene.

 

Quando non bisogna mangiare pomodoro?

Il consumo di pomodoro più interferire con l’assunzione di farmaci diuretici. In presenza di dubbi è sempre meglio rivolgersi al proprio medico.

Molto diffusa è inoltre l’allergia a questa verdura, che può manifestarsi con vari sintomi che vanno da problemi gastrointestinali a manifestazioni di tipo cutaneo.

 

Quali sono i possibili benefici del pomodoro?

Il pomodoro è ricco di antiossidanti come il licopene, molecola che conferisce il colore rosso e che, insieme ad altri carotenoidi aiuta a proteggere l’organismo dall’azione dei radicali liberi e, in particolare sembra essere efficace a proteggere dai tumori della pelle. O come la zeaxantina che aiuta a proteggere la vista, e riduce in particolare il rischio di degenerazione maculare senile.

In generale, comunque, gli antiossidanti presenti nel pomodoro portano benefici alla salute di occhi, pelle, ossa e mucose.

Benefici derivano anche dalla presenza di vitamine come la vitamina C (che apporta benefici al sistema immunitario ed è importante per la sintesi del collagene), la vitamina K (coagulazione) e le vitamine del gruppo B (metabolismo).

Buono anche l’apporto dei minerali come fosforo e calcio (salute delle ossa) e potassio (salute cardiovascolare).

 

Quali sono le controindicazioni del pomodoro?

Il consumo del pomodoro può provocare disturbi di natura gastrointestinale come bruciore di stomaco o reflusso gastroesofageo.

 

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.