COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Rifampicina

La rifampicina è un antibiotico la cui azione è quella di agire uccidendo i batteri che sono sensibili alla sua azione o bloccandone comunque la crescita attraverso l’inibizione della sintesi dell’RNA.

A che cosa serve la rifampicina?

La rifampicina viene utilizzata in particolare per trattare la tubercolosi. Viene impiegata anche nel caso in cui il batterio della meningite abbia colonizzato gola e cavità nasali senza che vi sia però scatenamento della malattia, in modo tale da prevenirne la diffusione. Non è adatto, invece, a trattare la meningite. 

Come si assume la rifampicina?

In genere la rifampicina viene somministrata con un’iniezione effettuata direttamente in vena. Può però essere assunta anche per via orale, sotto forma di capsule.

Quali effetti collaterali ha l’assunzione di rifampicina?

L’assunzione di rifampicina può contribuire a colorare di rosso il sudore, la saliva, le lacrime e le urine. Può inoltre colorare in modo indelebile le lenti a contatto morbide. Tra i possibili effetti avversi dovuti alla sua assunzione, ci sono: capogiri, sonnolenza, diarrea, mal di testa, gas, alterazioni del ciclo mestruale, bruciori di stomaco, crampi allo stomaco o lievi dolori.

È necessario contattare al più presto un medico nel caso in cui si manifestino effetti come: prurito, orticaria, rash, sensazione di oppressione al petto, difficoltà respiratorie, gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua, urine scure, feci scure, sangue nelle urine, sangue nelle feci, confusione, brividi, febbre, mal di gola, dolore articolare, gonfiore alle articolazioni, dolori muscolari, debolezza muscolare, pelle arrossata, gonfia, con vesciche o che si desquama, fiato corto, mal di stomaco, crampi, ittero, perdita dell’appetito, lividi, emorragia, problemi alla vista, stanchezza, vomito.

Quali sono le controindicazioni all’uso di rifampicina?

L’assunzione di rifampicina può compromettere le capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi, effetto che può essere aggravato dall’assunzione contestuale di alcol o di alcuni farmaci.
Può inoltre ridurre l’efficacia dei contraccettivi ormonali, influenzare i livelli di zuccheri nel sangue e interferire con alcuni esami di laboratorio.

Prima di iniziare ad assumere rifampicina è inoltre importante informare il medico di:

  • presenza di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri farmaci (in particolare alle rifamicine) o a qualsiasi alimento
  • assunzione contestuale di altri medicinali, di fitoterapici o di integratori, in particolare atanazivir, cabazitaxel, darubinavir, delavirdina, dronedarone, etravirina, fosmprenavir, lurasidone, nifedipina, praziquantel, ranolazina, saquinavir, tripanavir, inibitori del recettore della tirosinchinasi, voriconazolo e farmaci contro ansia, problemi cardiovascolari, diabete o HIV, medicinali contro livelli elevati di ferro o acido urico o livelli bassi di sodio o vitamina D, farmaci contro nausea e vomito, antidolorifici, anticonvulsivanti, farmaci contro l’insonnia, medicinali per la tiroide, immunosoppressori, psicofarmaci o medicinali contro le infezioni
  • sofferenza attuale o passata di problemi ai surreni, porfiria, diabete, malattie epatiche, infiammazione o ostruzione delle vie biliari
  • gravidanza o allattamento al seno

È importante avvisare medici, chirurghi e dentisti di trattamenti con rifampicina in corso.

Avvertenza

Le informazioni riportate sono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico.

Prenota una visita

Prenotazioni

Servizio Sanitario Nazionale: 035 4204300
dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16

Privati e Convenzionati: 035 4204500
dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13