COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Ranolazina

La ranolazina è un farmaco cardiovascolare antianginoso il cui funzionamento non è del tutto noto.

 

A che cosa serve la ranolazina?

La ranolazina viene utilizzata per curare i dolori cronici al petto, nello specifico l’angina.

 

Come si assume la ranolazina?

La ranolazina viene assunta per via orale, da sola o combinata ad altri farmaci.

 

Quali effetti collaterali ha l’assunzione di ranolazina?

Tra gli effetti dovuti all’assunzione di ranolazina ci sono l’aumento del rischio di scompensi renali quando si è in presenza di problemi ai reni, costipazione, nausea, capogiri, mal di testa.

Altri effetti per cui è consigliabile rivolgersi al più presto a un medico sono: rash, prurito, orticaria, dolore al petto, difficoltà respiratoria, gonfiore di volto, bocca, labbra o lingua, confusione, svenimenti, vista appannata, capogiri forti, febbre, brividi o mal di gola persistenti, gonfiore di mani e piedi, tremori, lividi o emorragie.

I capogiri possono essere accentuati, oltre che dalla concomitante assunzione di alcol o di alcuni medicinali, dal caldo, dalla febbre e dall’attività fisica.

 

Quali sono le controindicazioni all’uso di ranolazina?

L’assunzione di ranolazina è controindicata per chi soffre di cirrosi epatica e per chi assume alcuni farmaci antifungini, barbiturici, carbamazepina, idantoine, alcuni macrolidi, alcuni inibitori della proteasi o telitromicina.

In ogni caso, prima dell’assunzione il medico deve essere avvisato di:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o ad altri farmaci, alimenti o altre sostanze
  • dell’assunzione di medicinali, fitoterapici e integratori assunti, tra cui antipsicotici, antiaritmici, antifungini azolici, ciclosporina, macrolidi, nefazodone, inibitori della proteasi, verapamil, barbiturici, rifamicine, iperico, digossina, metformina, lovastatina, simvastatina
  • problemi attuali o passati renali o epatici, diabete, potassio basso nel sangue, battito cardiaco irregolare
  • dialisi
  • gravidanza o allattamento al seno.

L’assunzione di questo principio attivo può compromettere la capacità di guidare automezzi o manovrare macchinari pericolosi, soprattutto i concomitanza con il consumo di alcolici o alcuni medicinali.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita

Prenotazioni

Servizio Sanitario Nazionale: 035 4204300
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17

Privati e Convenzionati: 035 4204500
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17