Disfonia

Che cos’è la disfonia?

Con il termine disfonia si intende una situazione di alterazione della voce, sia dal punto di vista qualitativo, sia da quello quantitativo.

Esistono varie forme di disfonia: cronica, temporanea, di origine strutturale o funzionale. La disfonia può anche essere didiopatica, quando si genera senza una causa apparente.

Gli organi interessati dalla disfonia sono quelli connessi alla funzione fonatoria, relativa all’emissione della voce e dei suoni: corde vocali, bocca, naso, faringe, laringe e trachea.

 

Quali altri sintomi possono essere associati alla disfonia?

Alla disfonia si può accompagnare un senso di fastidio o di dolore mentre si parla.

 

Quali sono le cause della disfonia?

Alla base di una disfonia ci può essere un trauma o un utilizzo eccessivo della voce. Ci possono anche essere varie patologie, tra le quali: botulismo, laringite, sclerosi multipla, tetano, tumori della laringe, tumori a gola, bocca e agli organo connessi alla funzione fonatoria.

 

Quali sono i rimedi contro la disfonia?

Per curare la disfonia è necessario individuare e curare la causa (trauma, patologia) che ne è alla base.

In generale la disfonia può essere prevenuta evitando comportamenti che possano influire sulla qualità della voce come fumare o eccedere nel consumo di alcol. In presenza di disfonia si consiglia idratazione e riposo dell’apparato fonatorio per un periodo di circa due-tre giorni.

Gli approcci alla disfonia, sotto indicazione del medico, possono essere di tre tipi:

  • logopedico, con cui imparare a utilizzare meglio la voce
  • farmacologico, con assunzione di farmaci che variano a seconda di quale sia la causa del disturbo: antinfiammatori, antibiotici, antiacidi, ecc.
  • chirurgico, che prevede l’asportazione di eventuali tumori, polipi, noduli o cisti alla base della disfonia.

 

Disfonia, quando rivolgersi al proprio medico?

La disfonia deve essere sottoposta all’attenzione del proprio medico quando deriva da un trauma o quando può essere collegata a una delle patologie associabili a questo disturbo (vedi elenco sopra).