Propoli

La propoli rientra nel novero dei farmaci fitoterapici e sembra esercitare un’azione antinfiammatoria, antiossidante, antimicotici e immunomodulatrice. Le sono state attribuite anche proprietà antitumorali.

Viene ottenuto in natura dalle gemme dei pioppi e delle conifere e ha una consistenza simile a quella della resina.

 

A che cosa serve la propoli?

L’efficacia della propoli non è del tutto scientificamente provata. In genere viene utilizzata contro le infezioni batteriche, compresa la tubercolosi, contro le infezioni virali come raffreddore e influenza, contro le infezioni da funghi e da protozoi e contro le afte.

Il suo uso viene indicato anche contro l’herpes labiale e l’herpes genitale oltre che per alleviare gonfiore e dolore e velocizzare la guarigione dopo interventi al cavo orale.

 

Come si assume la propoli?

La propoli può essere assunta per via orale – sotto forma di spray o di gocce – applicata alla pelle o utilizzata per semplici risciacqui.

 

Quali effetti collaterali ha l’assunzione di propoli?

Se assunta secondo le posologie indicate, la propoli è considerata un rimedio sicuro, che non provoca effetti collaterali.

Ci sono però casi di allergie, come quelle alle api o ai prodotti di questi insetti, che rendono questo principio attivo potenzialmente scatenante reazioni allergiche. Inoltre può irritare la bocca, causare ulcere orali e aumentare il tempo necessario alla coagulazione del sangue.

 

Quali sono le controindicazioni all’uso di propoli?

Prima di iniziare una cura a base di propoli è importante avvisare il proprio medico di:

  • eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri farmaci o alimenti, in particolare ai prodotti derivati dalle api
  • assunzione in corso di farmaci, fitoterapici o integratori, in particolare di anticoagulanti (aspirina, clopidogrel, dalteparina, enoxaparina, eparina, ticlopidina, warfarin e altri prodotti a base di angelica, chiodi di garofano, salvia, aglio, zenzero, ginkgo e ginseng
  • sofferenza attuale o passata di asma, disturbi emorragici e allergie.

Medici, chirurghi e dentisti devono sempre essere avvisati dell’assunzione di propoli. In previsione di un intervento chirurgico, in genere se ne sospende l’assunzione nelle due settimane precedenti.

Non ci sono problemi per l’assunzione di questo principio attivo in gravidanza o mentre si allatta al seno. Meglio comunque sempre chiedere consiglio al proprio medico.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.