Fragole

Le fragole sono frutti del genere Fragaria che vengono coltivate o crescono spontanee nelle aree temperate di tutto il mondo. In italia crescono tra la primavera e l’estate.

Se ne conoscono oltre 600 varietà, che si distinguono per dimensione, consistenza e sapore.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali delle fragole?

In 100 grammi di fragole varietà vecsa, c’è un apporto di 27 calorie, così ripartite: 74% carboidrati, 13% proteine e 13% lipidi.

Sono inoltre contenuti:

Molte varietà di questo frutto sono inoltre fonte di omega 3, folati, vitamina B6, rame, iodio, manganese e vari fitonutrienti come favonoli, terpenoidi, antocianine e acidi fenolici.

 

Quando non bisogna mangiare fragole?

È meglio evitare di mangiare fragole quando si assumono farmaci anticoagulanti e antiaggreganti perché sono frutti che possono interferire con gli effetti di questi farmaci.

 

Quali sono i possibili benefici delle fragole?

Le fragole sono potenti alleate della salute cardiovascolare perché sono ricche di molecole antiossidanti e antinfiammatorie.

Sembra ormai assodato il loro potere di frutti anti cancro, poiché sembrano aiutare nella prevenzione di tumori come quello al seno, alla cervice uterina, all’esofago e al colon. Il loro consumo sembra inoltre aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue e per questo sono indicate per la prevenzione del diabete di tipo 2.

Altri benefici delle fragole: apportano un’azione anti-invecchiamento fisico e cognitivo, agiscono in modo positivo sulle malattie infiammatorie intestinali oltre che sulle forme di artrite e di malattie dell’occhio associate a infiammazioni (nel caso dell’occhio anche in presenza di degenerazione maculare).

 

Quali sono le controindicazioni delle fragole?

Il consumo di fragole può essere controindicato per chi soffre di allergia a questi frutti, che spesso si evidenza con sintomi come prurito e formazione di piccole bolle sulla pelle.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.