Cardiomiopatie

Che cosa sono le cardiomiopatie?

Le cardiomiopatie sono patologie che interessano il muscolo cardiaco e che producono nel cuore una difficoltà a pompare il sangue in ogni parte del corpo. Possono essere di tre tipi: dilatative, ipertrofiche e restrittive.

Tra le complicazioni di queste patologie ci possono essere la formazione di trombi, scompenso cardiaco o problemi alle valvole cardiache.

Quali sono le cause delle cardiomiopatie?

Le cause delle cardiomiopatie variano a seconda della loro tipologia. A seconda, cioè, se siano cardiomiopatie dilatative, ipertrofiche o restrittive.

Quali sono i sintomi delle cardiomiopatie?

Spesso le cardiomiopatie nella loro fase iniziale non presentano sintomi. Con il progredire della patologia, però, si sviluppano segnali specifici che tendono a peggiorare nel tempo.

In particolare, si possono presentare questi sintomi: difficoltà respiratoria anche a riposo, battiti del cuore irregolari e palpitazioni, dilatazione dell’addome, gonfiore a gambe, caviglie gonfie e piedi gonfi, vertigini, svenimenti, affaticamento e tosse.

Quali patologie possono portare a cardiomiopatie?

Le patologie che possono provocare cardiomiopatie sono quelle che riguardano “fattori di rischio” per il cuore. Sono dunque da tenere sotto controllo malattie come l’ipertensione arteriosa, l’elevato livello di colesterolo nel sangue e il diabete mellito.

Come si possono diagnosticare le cardiomiopatie?

La cardiomiopatia viene diagnosticata nell’ambito di una visita cardiologica, nel corso della quale lo specialista verifica lo stato di salute del paziente indagando anche sull’esistenza di eventuali problemi cardiologici in famiglia.

A corredo della visita il cardiologo può prescrivere l’esecuzione di esami del sangue o di esami strumentali come: elettrocardiogramma, radiografia del torace, ecocardiogramma, scintigrafia miocardica, test da sforzo, risonanza magnetica cardiaca.

Una volta eseguiti questi esami potrà inoltre essere utile l’esecuzione di ulteriori esami di secondo livello come coronarografia,

Come vengono curate le cardiomiopatie?

Il trattamento di una cardiomiopatia dipende dalla natura e dalla gravità della stessa.

Per i trattamenti della varie tipologie – dilatativa, ipertrofica e restrittiva – si rimanda dunque alle schede specifiche.

In ogni caso i trattamenti sono finalizzati a ridurre l’effetto dei sintomi, a impedire che la situazione peggiori o che insorgano complicazioni.

Nel caso in cui la malattia progredisca e peggiori nonostante le cure, può ritenersi necessaria l’esecuzione di un trapianto o l’applicazione di un impianto di assistenza ventricolare (VAD).

Per maggiori informazioni visitare l’area medica di riferimento