Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

News

Stampa

21 novembre, tutto esaurito per "Le onde rosa"

il . Pubblicato in Cure e trattamenti

Tutto esaurito e lista d’attesa aperta per “Le onde rosa”, secondo e ultimo approfondimento del “Trimestre in rosa, donne medico che incontrano le donne”, in programma sabato 21 novembre alle ore 15 nell’auditorium di Villa Elios di Humanitas Gavazzeni.

 

Elena Maria Abati, fisiatra, responsabile del Servizio onde d’urto, e Marzia Baldi, dermatologa, responsabile degli Ambulatori di Dermatologia di Humanitas Gavazzeni presenteranno i benefici estetici delle onde d’urto (per le rughe del viso e la cellulite) e della radiofrequenza (per il cedimento della pelle) con dimostrazioni pratiche.

 

«Il tessuto connettivo – afferma la dottoressa Abati – invecchia perché la produzione cellulare di fibre collagene e elastina diminuisce: le rughe sono il risultato della ridotta elasticità del derma. Le onde acustiche stimolano la produzione di nuove fibre migliorando densità e elasticità della pelle».

 

L’altro trattamento consigliato per il “cedimento” della pelle è la radiofrequenza. «Il meccanismo della radiofrequenza consiste in un innalzamento della temperatura nella zona trattata – spiega la dottoressa Baldi trasportando energia al derma profondo e agli strati sottocutanei (5-20mm). Il calore prodotto causa una contrazione delle fibre collagene e elastina che “liftano” la pelle (viso, addome, fianchi)».

 

Per informazioni, da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle ore 16, il numero di telefono è lo 035 4204787.

 

Stampa

Tumore alla prostata, un congresso il 20 novembre

il . Pubblicato in Cure e trattamenti


Ha per titolo "Il tumore della prostata: stato dell'arte e nuove prospettive" il congresso organizzato da Humanitas Gavazzeni e Humanitas ICH, e che si svolgerà nella giornata di venerdì 20 novembre presso l’hotel Excelsior San Marco - Sala dei Mille - in  piazzale della Repubblica 6 a Bergamo, coordinato da Vittorio Vavassori, responsabile Unità Operativa di Radioterapia di Humanitas Gavazzeni, e Marta Scorsetti, responsabile delle Unità Operativa di Radioterapia e Radiochirurgia dell’Istituto Clinico Humanitas.

 

Il congresso è a partecipazione gratuita, accreditato ECM per medici di medicina generale, medici specialisti, infermieri (max 15) e tecnici sanitari di radiologia medica (max 15).

 

«La neoplasia prostatica è una patologia a elevata incidenza che ha visto negli ultimi anni miglioramenti in campo diagnostico e terapeutico probabilmente fra i più tumultuosi ma anche tra i più significativi in ambito oncologico – spiegano i responsabili scientifici del congresso, dottor Vavassori e dottoressa Scorsetti –. Un approccio sempre più multidisciplinare in tutte le fasi della malattia, insieme ai progressi tecnologici di chirurgia e radioterapia e alla disponibilità crescente di nuovi farmaci, consentono oggi al clinico e al paziente di disporre di un ventaglio di opzioni terapeutiche assai variegato ma, proprio per questo, di complessa applicazione pratica e di non trascurabile impatto sulla qualità di vita del paziente stesso».

 

In questo convegno si discuteranno non solo le più recenti acquisizioni e alcuni tra gli aspetti più controversi riguardanti la diagnosi e il trattamento della neoplasia prostatica in fase iniziale e avanzata, ma verranno sottolineati anche alcuni aspetti, a volte sottostimati, più strettamente legati alle problematiche indotte dalle terapie e particolarmente importanti per il paziente. La presenza, trasversale, di autorevoli esperti nelle varie discipline che concorrono alla diagnosi e alla gestione della neoplasia prostatica e la possibilità di discutere temi di sicura attualità consentiranno un approfondimento delle conoscenze scientifiche e una valutazione critica di alcuni aspetti inerenti la pratica clinica.

 

In allegato il programma del congresso.

 

Stampa

Un sorriso nuovo in un solo giorno, ottobre e la promozione del Servizio di Odontoiatria

il . Pubblicato in Cure e trattamenti

 

Avere denti fissi nella stessa seduta di posizionamento degli impianti. È quando offre l’innovativa tecnica dell’implantologia a carico immediato che viene effettuata dal Servizio di Odontoiatria di Humanitas Gavazzeni, e che in questo mese di ottobre 2015 offre alle persone interessate una visita odontoiatrica e un consulto gratuito per fornire preventivi personalizzati.

 

La promozione “Un sorriso nuovo in un solo giorno” è prenotabile fino al 31 ottobre presso il Servizio di Odontoiatria di Humanitas Gavazzeni, allo sportello dedicato in ospedale, o telefonicamente chiamando il numero 035 4204900 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20.

Che cosa è l’implantologia a carico immediato

Quando si parla di implantologia a carico immediato e carico differito si intendono due diverse pratiche implantologiche che si differenziano per i tempi di realizzazione dell’intervento. Attraverso la metodica a carico differito, lo specialista deve necessariamente attendere un periodo variabile dai tre ai sei mesi per poter applicare la protesi dopo aver inserito all’interno delle ossa mascellari o mandibolari del paziente gli impianti.

 

Con l’implantologia a carico immediato, invece, l’inserimento degli impianti e l’applicazione delle protesi avviene nel corso di un’unica operazione chirurgica utilizzando innovativi impianti in titanio dalle elevate qualità biocompatibili e osteointegrative, che riducono fenomeni di autodifesa dell'organismo come infezioni, infiammazioni o rigetto.

 

«Gli impianti inseriti attraverso la tecnica del carico immediato si osteointegrano proprio come quelli caricati tradizionalmente, garantendo la stessa stabilità e lo stesso successo nel tempo – spiegano gli specialisti –. Il paziente che si sottopone a un intervento di implantologia a carico immediato ha la possibilità di avere i denti fissi già nella prima seduta, con notevoli vantaggi tra cui: minima invasività dell’intervento chirurgico e limitata perdita ematica; riacquisizione immediata della funzione masticatoria senza limitazioni nell’alimentazione; possibilità di tornare subito alla quotidianità senza disagi nell’interazione sociale; rapidità dell’intervento che si svolge in una sola seduta; nessun segno visibile che possa limitare il sorriso. Il risultato è stabile e definitivo nel tempo».

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.