Vene varicose o varici

Che cosa sono le vene varicose o varici?

Le vene varicose o varici sono vene dilatate di apparenza tortuosa che interessano prevalentemente il sistema venoso superficiale degli arti inferiori.

Questo sistema, costituto dalla grande e piccola safena e dai loro vasi affluenti, ha la funzione di raccogliere il sangue periferico delle gambe e indirizzarne il flusso verso il cuore.

L’efficacia del sistema safenico, la cui circolazione avviene nel senso contrario alla gravità quando si sta in piedi, dipende in gran parte dal corretto funzionamento delle valvole venose.

 

Quali sono le cause delle vene varicose o varici?

Il malfunzionamento valvolare è la causa principale delle varici poiché può favorire il reflusso del sangue e la conseguente dilatazione venosa.

Si tratta di un processo lento ma progressivo, che può determinare l’insorgenza di diverse complicazioni: dai semplici problemi estetici alla severa insufficienza venosa cronica. 

Contribuiscono alla formazione delle vene varicose:

  • familiarità: chi ha parenti di primo grado con varici ha una maggiore probabilità di sviluppare questa condizione
  • scarso movimento: le vene varicose si verificano più frequentemente nelle persone che passano molte ore in piedi
  • genere: le varici agli arti inferiori colpiscono con maggior frequenza le donne
  • obesità
  • gravidanza

Clicca qui per scoprire come prevenire le vene varicose o varici.

 

Quali sono i sintomi delle vene varicose o varici?

Generalmente, i sintomi iniziali delle vene varicose sono:

  • sensazione di pesantezza alle gambe dopo aver trascorso molto tempo in piedi
  • crampi notturni al polpaccio
  • formicolii o prurito alle gambe
  • dolori lungo il decorso delle vene
  • gonfiore alle gambe.

sintomi si possono aggravare con il passar del tempo manifestandosi come:

  • macchie brune: localizzate generalmente nella parte inferiore della gamba, dovute alla fuoriuscita di sangue dalla vena.
  • eczema: eruzione o rottura di vescicole nella gamba
  • ipodermiti: aree cutanee, più o meno estese, arrossate, dolenti o indurite sulla gamba
  • tromboflebite superficiale: infiammazione della parete venosa che si manifesta con la comparsa di un segmento venoso dolente e indurito su un’area cutanea calda e arrossata
  • ulcerazioni: lesioni di lenta guarigione localizzate in genere in prossimità del malleolo; sono le complicanze più tardive delle varici
  • sanguinamento spontaneo o a seguito di traumatismo: dovuto alla rottura di una varice, che può essere spontaneo a seguito di un trauma.

 

Come possono essere individuate le vene varicose o varici?

La diagnosi di varici viene effettuata attraverso una visita specialistica completata con eventuale ecocolordoppler. Questo esame, basato sull’utilizzo degli ultrasuoni, non invasivo, consente di visualizzare le vene fornendo informazioni sulla loro forma e sul flusso sanguigno al loro interno.

 

Come si possono curare le vene varicose o varici?

Trattamenti chirurgici 

Varicectomia 
L’intervento è indicato per le piccole varici sintomatiche che non coinvolgono la grande safena e consiste nell’asportazione delle vene colpite attraverso delle micro-incisioni. L’intervento di varicectomia viene effettuato in anestesia locale in regime di day hospital.

Safenectomia 
L’intervento di safenectomia mediante “stripping” è indicato in caso di problemi varicosi alle safene. Si effettua realizzando una piccola incisione in prossimità del malleolo, attraverso la quale si inserisce una sonda o “stripper” nella vena safena fino all’inguine.

La successiva estrazione della sonda permette l’asportazione della vena. La  safenectomia viene effettuata in anestesia epidurale selettiva e in regime di day hospital.

Laser endovascolare dell’incontinenza della vena grande safena 
Si tratta di una procedura mini invasiva effettuata in anestesia locale che, attraverso speciali fibre ottiche e appositi cateteri, concentra direttamente nella vena l’energia laser. La durata dell’energia laser viene ovviamente controllata per preservare la diffusione dell’energia termica nei tessuti adiacenti la vena trattata.

 

Per maggiori informazioni visitare l’area medica di riferimento