COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Camomilla

La camomilla, nome scientifico Matricaria camomilla L., è una pianta che appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Dal punto di vista alimentare si utilizzano i suoi fiori che, essiccati, vengono consumati sotto forma di infuso.

In Italia il periodo dell’anno migliore per raccoglierla è quello compreso tra i mesi di maggio e giugno.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali della camomilla?

In una tazza di infuso di camomilla, corrispondente a circa 230 ml, c’è un apporto di circa 2 calorie. Nella stessa quantità sono inoltre presenti:

La camomilla è inoltre una fonte di cumarina.

 

Quando non bisogna consumare camomilla?

Quando assunta sotto forma di integratore, la camomilla può interferire con farmaci di vario tipo, in particolare con sedativi, anticoagulanti, Fans, antiaggreganti, oltre che con principi attivi come ginkgo biloba, aglio, valeriana.

In presenza di dubbio, meglio chiedere consiglio al proprio medico.

 

Quali sono i possibili benefici della camomilla?

La camomilla viene in genere utilizzata, sotto forma di infuso, per combattere l’ansia e i problemi allo stomaco. In generale le viene riconosciuta anche la capacità di aiutare a combattere insonnia, nausea, vomito, reflusso gastroesofageo ed emorroidi, oltre che le coliche nei bambini.

Come prodotto topico, sotto forma di crema, può essere utile per curare irritazioni cutanee, ferite e fastidi agli occhi. Come risciacqui orali, invece, è utile contro le piaghe lasciate in bocca dai trattamenti antitumorali.

 

Quali sono le controindicazioni della camomilla?

L’utilizzo sotto forma di infuso della camomilla è considerato sicuro, anche se il suo uso in dosi elevate può provocare sonnolenza e a volte vomito.

Esiste anche una remota possibilità che il suo consumo scateni reazioni allergiche, in soggetti già soggetti ad allergie a piante correlate come la margherita, l’ambrosia, il crisantemo, la calendula.

La presenza di cumarina, infine, potrebbe interferire con farmaci anestetici, dato l’effetto anticoagulante di quest’ultima.

In presenza di dubbio anche in questo caso è sempre meglio chiedere consiglio al proprio medico.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita

Prenotazioni

Servizio Sanitario Nazionale: 035 4204300
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17

Privati e Convenzionati: 035 4204500
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17