Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Apnea ostruttiva del sonno

Pubblicato in Testa e collo

SINTESI


Che cos’è l’apnea ostruttiva del sonno?

L’apnea ostruttiva del sonno è un’interruzione della respirazione che avviene durante il sonno che può essere causata da un’ostruzione parziale o totale delle vie aeree superiori, cioè del naso, della bocca o della gola.

Quali sono le cause dell’apnea ostruttiva del sonno?

Oltre all’ostruzione delle vie aeree superiori, l’apnea ostruttiva del sonno può avere altre e differenti cause. Tra le più frequenti si registrano: assunzione di farmaci, obesità o situazione di sovrappeso, abuso di bevande alcoliche nelle ore precedenti a quando si va a dormire, abitudine al fumo e svolgimento di scarsa attività fisica.

 

Clicca qui per scoprire come prevenire l'apnea ostruttiva del sonno.

DIAGNOSI


Come si può diagnosticare l’apnea ostruttiva del sonno?

La prima diagnosi di apnea ostruttiva del sonno viene fatta dallo specialista insieme al paziente durante la visita neurologica del sonno, che racconta i sintomi provati durante il sonno e la giornata.

 

Nel caso in cui i sintomi siano tali da far ipotizzare l’esistenza di questa patologia il medico può disporre l’esecuzione di questi esami strumentali:

  • polisonnografia, con un apparecchio che viene posizionato sul paziente con il fine di misurare durante le ore notturne le variazioni di frequenza cardiaca, flusso aereo, livello di ossigeno nel sangue, mobilità respiratoria toracica e addominale
  • poligrafia respiratoria, che consente di monitorare i principali segnali cardio-respiratori durante il sonno
  • elettroencefalogramma, che consente di valutare l’attività elettrica del cervello
  • elettromiografia degli arti, per valutare l’attività muscolare.

 

TRATTAMENTI


Come si può curare l’apnea ostruttiva del sonno?

Il primo consiglio per i pazienti affetti da apnea ostruttiva del sonno è quello di adottare uno stile di vita sano, che preveda un alimentazione sana, la perdita di peso in caso di obesità o sovrappeso, lo smettere di fumare e di abusare di alcolici.

 

Detto che a volte il problema può essere risolto semplicemente variando la posizione in cui si dorme, evitando la posizione supina che agevola le apnee, può dover invece essere necessario intervenire su eventuali malattie presenti a carico delle vie aeree superiori.

 

In caso di apnea grave, si può dover ricorrere alla Cpap, uno strumento collegato a una piccola maschera che viene applicata su naso e bocca che agevola il passaggio dell’aria nelle vie respiratorie.

 

In casi estremi è possibile dover ricorrere a un intervento chirurgico che preveda la correzione del setto nasale deviato o l’asportazione delle tonsille ipertrofiche o rimodellamento delle prime vie aeree.

 

FAQ


Quali sono i sintomi dell’apnea ostruttiva del sonno?

L’apnea ostruttiva del sonno si manifesta con un forte russare fin dalle prime fasi del sonno. Il russare tende a crescere di intensità fino a quando non interviene un blocco improvviso del respiro di durata di almeno 10 secondi, dopo di che il ciclo russamento, blocco e sblocco del respiro si ripete dall’inizio.

 

All’apnea ostruttiva del sonno possono essere collegati vari sintomi. Il più tipico è quello dei risvegli improvvisi accompagnati da una forte sensazione di soffocamento. Atri sintomi sono: difficoltà a concentrarsi durante il giorno, sonnolenza e colpi di sonno diurni, sudorazioni notturne, mal di testa (cefalea) e bocca asciutta al risveglio, necessità di minzione notturna e impotenza.


Quando i disturbi notturni con blocco della respirazione possono essere considerati una vera e propria patologia?

Si rientra nella patologia apnea ostruttiva del sonno quando si registrano almeno 5 episodi di blocco respiratorio ogni ora o almeno una quindicina nell’arco di un’intera notte, con difficoltà a riprendere la respirazione normale.

MEDICI


Area medica di riferimento

Per avere maggiori informazioni e un consulto medico sull’apnea ostruttiva del sonno, rivolgersi all’Ambulatorio per la patologia del sonno di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.