Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Ortopedia e Traumatologia

Pubblicato in Unita' operative


Ortopedia e Traumatologia - Responsabile  Dr. Gennaro Fiorentino

Attività clinica


Attività Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia 

L’Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia si occupa delle patologie del sistema muscolo-scheletrico, sia di tipo degenerativo che traumatico.

 

L’Unità collabora con il Pronto Soccorso per casi di piccola, media e grande Traumatologia e con le altre specialità dell’ospedale coinvolte nel trattamento del paziente politraumatizzato  (rianimazione, chirurgia vascolare, chirurgia toracica, chirurgia della colonna, chirurgia generale). Al paziente traumatizzato, inoltre, vengono fornite cure chirurgiche innovative con mezzi di sintesi in grado talvolta di eseguire tecniche mini-invasive e artroscopiche-assistite.

 

Particolare attenzione è rivolta al paziente anziano portatore di frattura di femore: ridotti tempi di attesa, protesi e materiali di ultima generazione in grado di ridurre al minimo le principali complicazioni post-operatorie, moderne tecniche anestesiologiche.

 

La chirurgia elettiva (interventi non urgenti che quindi possono essere programmati) viene effettuata in regime di ricovero ordinario e in Day Hospital.

 

L’Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia si occupa in particolare di:

  • Chirurgia protesica di anca: vengono utilizzate protesi di ultima generazione e i più moderni accoppiamenti di materiali. L’Unità è stata tra le prime a utilizzare la protesi d’anca a doppia mobilità in grado, per il particolare design, di ridurre al minimo se non azzerare il rischio di lussazione. Inoltre, per i pazienti giovani con elevate richieste funzionali, sono utilizzate particolari protesi progettate per garantire una minore invasività e maggiori performance biomeccaniche. La Chirurgia protesica dell'anca in questa Unità Operativa può essere effettuata anche utilizzando un accesso MINI-INVASIVO detto anteriore diretto. Uno delle ultime novità in questo campo, riuscendo così a impiantare una protesi attraverso incisioni della cute anteriori di 7-8 cm ed a completo risparmio della muscolatura, tipo di chirurgia molto gradita ai giovani e non solo. 
  • Chirurgia artroscopica dell'anca: chirurgia molto innovativa che si prefigge l'obiettivo di risolvere gli iniziali problemi di artrosi delle anche. In alcuni pazienti, in particolar modo giovani e sportivi, esistono specifiche piccole deformità dell'articolazione dell'anca denominate Conflitto Femoro-Acetabolare che generano dolore e predispongono all'artrosi futura. Con questa moderna tecnica oggi siamo in grado di rimodellare le superfici articolari per ricondurle alla normalità con lo scopo di annullare il dolore ed eventulmente scongiurare il rischio di un fututro impianto protesico e tutto questo solo attraverso due piccoli fori della pelle e con l'utilizzo di microstrumenti chirurgici.
  • Chirurgia protesica del ginocchio: a seconda dei casi clinici, vengono impiantate protesi totali nei pazienti affetti da artrosi di tutto il ginocchio o mono-compartimentali (miniprotesi che sostituiscono solo una parte del ginocchio) nei pazienti con usura limitata a un solo compartimento.
  • Artroscopia e chirurgia ricostruttiva del ginocchio: l’intervento di artroscopia del ginocchio viene effettuato in regime di Day Hospital, così da permettere un precoce ritorno alle attività quotidiane. La ricostruzione del legamento crociato anteriore avviene nella maggior parte dei casi col prelievo di gracile e semitendinoso, recentemente con tecniche particolarmente attente al risultato estetico. Nei casi di lesione recidiva, ci si avvale anche di tecniche alternative (prelievo del rotuleo, legamenti artificiali o da donatore di organi). Viene effettuata anche la ricostruzione artroscopica del legamento crociato posteriore e dei legamenti collaterali e la chirurgia artroscopica di spalla, caviglia e gomito.
  • Chirurgia del gomito: vengono effettuati interventi di chirurgia artroscopica del gomito per il trattamento del gomito rigido doloroso che può essere il risultato di un trauma ma anche della pratica di alcuni sport o lavori pesanti. Vengono eseguiti anche sostituzioni protesiche quando necessario nel gomito artrosico o affetto da artrite reumatoide.
  • Chirurgia della caviglia: lunga esperienza nel trattamento della caviglia dello sportivo, nelle riparazioni legamentose dei frequentemente interessati legamenti esterni (peroneo-astragalico e peroneo-calcaneare) ma anche nel trattamento artroscopico per la rimozione di conflitti ossei o fibrosi sia della camera anteriore sia posteriore (os trigonum ipertrofico) per curare le caviglie rigide e dolorose in particolare dei calciatori. Viene eseguita anche la plastica endoscopica della grande tuberosità del calcagno nelle tendiniti inserzionali dell’Achilleo come conseguenza del Morbo di Haglund.

 

 

Equipe

Equipe dell'Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia 

Gennaro Fiorentino - Responsabile Ortopedia e Traumatologia

 

Medici:
Theodoros Kapotsis
Lelia Rondi
Vincenzo Ruggiero Perrino
Luca Usai
Francesca De Caro
Cesare Valzorio

 

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.