Fondazione Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, anche per il biennio 2020-2021 ha confermato il Bollino Rosa a Humanitas Gavazzeni Bergamo nel corso di una cerimonia di premiazione svoltasi a Roma al Ministero della Salute lo scorso 11 dicembre 2019.

Il Bollino Rosa è il riconoscimento che Fondazione Onda, da sempre impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

«L’attenzione “rosa” figura in molte aree del nostro ospedale – afferma Massimo Castoldi, Direttore Sanitario di Humanitas Gavazzeni –, nonostante non siamo accreditati per servizi più tipicamente femminili come il percorso maternità. Esempi di valore sono la Breast Unit, l’associazione di pazienti che la supporta, Amiche per Mano, i servizi dedicati alle donne affette da tumore (Accarezziamo la Vita, ogni primo lunedì del mese con personale specializzato in trucco oncologico), la dermatologia e il Centro Cefalee accreditato SISC. Tra l’altro, i Bollini Rosa ci fanno anche ricordare che nell’organizzazione del lavoro di Humanitas Gavazzeni molte sono le donne impegnate quotidianamente per rendere possibili i percorsi di cura dei pazienti: tante sono le colleghe donne anima delle aree operative, come amministrazione, comunicazione, ufficio relazioni con il pubblico, gestione flussi e servizi generali».

E aggiunge: «Di certo riteniamo importante sottoporci ogni due anni a questo bando che stimola la nostra riflessione sulla medicina di genere in modo costruttivo e ad alzare sempre più gli standard dei servizi offerti alle donne che vivono nel nostro territorio».

 

Bollino rosa, un’assegnazione basata su 500 domande

Rispetto al bando precedente, gli ospedali italiani premiati sono aumentati, passando da 306 a 335.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da quasi 500 domande suddivise in 18 aree specialistiche, due in più rispetto alla precedente edizione per l’introduzione di dermatologia e urologia.

A partire dal 7 gennaio 2020 sul sito www.bollinirosa.it sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per Regione, con l’elenco dei servizi valutati.