“Il paziente sportivo: gestiamolo insieme” è il tema del convegno che si svolgerà giovedì 23 novembre dalle ore 17.30 alle ore 22 in Humanitas Gavazzeni, auditorium di Villa Elios, in via Gavazzeni 21, con la direzione scientifica di Luca Usai, dell’Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale.

L’incontro, gratuito e accreditato ECM, si rivolge ai medici di assistenza primaria, agli specialisti, fisioterapisti e infermieri, ed è aperto anche ai preparatori atletici e ai laureati in scienze motorie.

Lo sport fa bene: questo è quello che sancisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità che dichiara necessario compiere attività motoria per almeno 150 minuti alla settimana. Insieme a una adeguata alimentazione e a un appropriato stile di vita, può ridurre l’incidenza di eventi cardiovascolari e prevenire l’insorgenza di numerose patologie.

«Lo sport può però fare anche male: se non bene eseguito, se non bene controllato, se non ben gestito in un’ottica di prevenzione degli infortuni ma, anche, in quella di una corretta guarigione, ogniqualvolta siano occorsi eventi traumatici o insorte patologie da sovraccarico muscolo-tendineo – afferma il dottor Luca Usai –. Questo incontro vuole essere un’occasione di confronto tra le differenti figure professionali cui capita, nella pratica quotidiana, di dover “gestire” un paziente “atleta”, con l’obiettivo di comprendere quali siano le patologie più frequenti in chi pratica sport e quali possano essere i percorsi di cura più appropriati, in base al grado della gravità di una lesione. Stimoleremo il nostro operare clinico verso la necessità di “preservare” il più possibile l’anatomia e la salvaguardia dei tessuti, favorendo così la ripresa della attività fisica e la prevenzione delle patologie secondarie a un danno malcurato».

Gli specialisti di diverse aree (Ortopedia e Traumatologia, Chirurgia della mano, Cardiologia, Riabilitazione, Fisioterapia) discuteranno le novità in ambito di trattamento farmacologico e chirurgico, per meglio indirizzare lo sportivo e chi lo segue, verso scelte sempre più personalizzate e adattate alle esigenze funzionali del paziente stesso.

Per iscriversi, è necessario compilare e inviare la scheda di adesione on line sul sito www.humanitasedu.it, oppure via mail a formazione.ecm@gavazzeni.it, o via fax al numero 035 4204919.