Bronchite

Che cos’è la bronchite?

La bronchite è un’infiammazione della mucosa che riveste i bronchi, cioè di quell’insieme di tubi, simile ai rami di un albero, attraverso i quali passa l’aria che continuamente entra ed esce dai nostri polmoni.

Con il termine di bronchite ci si riferisce abitualmente alla forma acuta, di norma a rapida e spontanea risoluzione senza danni persistenti.

La bronchite cronica, persistente, meglio definita come broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) si accompagna invece a un danno funzionale cronico con più o meno grave ostruzione delle vie aeree.

La bronchite, soprattutto nella sua forma cronica (BPCO), vede nell’astensione dal fumo di tabacco la principale norma di prevenzione.

Quali sono le cause della bronchite?

La bronchite acuta è un’affezione comune, in genere causata da virus che dopo avere colpito le prime vie aeree (naso e gola) giungono fino ai bronchi, infiammandone la mucosa, spesso in concomitanza di un raffreddore comune o di una sindrome influenzale o parainfluenzale.

Meno frequentemente può essere causata dall’inalazione di irritanti.

La bronchite cronica è la conseguenza di una condizione di persistente infiammazione che porta a una degenerazione della struttura dei bronchi, soprattutto quelli di più piccolo calibro fino a interessare anche la parte più periferica dell’apparato respiratorio, gli alveoli polmonari: è provocata da “fattori esterni”, come l’inquinamento e l’inalazione ricorrente di sostanze irritanti ma soprattutto dal fumo di tabacco ed è aggravata da concomitanti infezioni virali e/o batteriche.

Quali sono i sintomi della bronchite?

I principali sintomi della bronchite acuta sono rappresentati da tosse, talvolta molto disturbante, con o senza produzione di espettorato, senso di oppressione al torace o sensazione di difficoltà a respirare, febbre in genere non elevata e malessere generale: una tosse irritativa può talvolta persistere a lungo anche dopo la regressione degli altri sintomi.

La bronchite cronica (BPCO) è caratterizzata da tosseespettorato e difficoltà di respiro persistenti, di maggior o minor entità in base al grado della malattia; la sintomatologia cronica va incontro a periodici peggioramenti con accentuazione della dispnea e comparsa di catarro giallo/gialloverdastro con o senza febbre, in corso delle fasi di riacutizzazione tipiche della patologia.

Come può essere individuata la bronchite?

La diagnosi di bronchite acuta è essenzialmente clinica e non richiede in genere l’esecuzione di esami strumentali.

La diagnosi di bronchite cronica (BPCO) è clinica e strumentale, richiedendo sempre almeno l’esecuzione di una spirometria per documentare e quantificare il danno funzionale subito dall’apparato respiratorio.

In casi selezionati potrà essere eseguita una valutazione radiologica con radiologia tradizionale o TAC.

Come si può curare la bronchite?

La terapia della bronchite acuta è prettamente farmacologica e varia a seconda dei sintomi con cui si manifesta.

Per conoscere nel dettaglio i trattamenti medici della bronchite acutaclicca qui.

Clicca qui, invece, per conoscere nel dettaglio i trattamenti relativi alla broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), ovvero alla bronchite cronica.

Area medica per la bronchite

Per maggiori informazioni, sulla bronchite vedi l’Unità Operativa di Pneumologia di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.