Chirurgo plastico

Di che cosa si occupa il chirurgo plastico?

La chirurgia plastica è la branca della chirurgia che si occupa della ricostruzione dei tessuti dell’organismo umano o della correzione di deformità a loro carico. Viene eseguita allo scopo di riparare difetti congeniti (presenti dalla nascita) o acquisiti (causati da malattie, traumi, infortuni o pregressi interventi chirurgici) o di migliorare la funzione o l’estetica di parti difettose o mancanti.

All’interno di questa branca chirurgica è compresa quindi la chirurgia ricostruttiva (che si occupa di ricostruire i tessuti e correggerne le deformità con l’obiettivo di migliorarne la funzionalità) e la chirurgia estetica (il cui obiettivo nella ricostruzione dei tessuti e nella correzione delle deformità è più in particolare quello di migliorare l’aspetto estetico).

Il chirurgo plastico è il medico specializzato in chirurgia plastica che si occupa della ricostruzione dei tessuti dell’organismo umano o della correzione di deformità a loro carico.

Quali sono le patologie trattate più spesso dal chirurgo plastico?

Diverse sono le patologie più frequentemente trattate dal chirurgo plastico. Tra queste ricordiamo:

  • aree del corpo danneggiate da interventi chirurgici demolitivi (mastectomie, neoplasie a collo e testa, neoplasie cutanee)
  • ustioni gravi tali da comportare compromissione dei tessuti
  • traumi (fratture soprattutto del viso e di altre parti del corpo particolarmente esposte, ma non solo; ferite; ecchimosi)
  • anomalie causate da difetti di nascita (labbro leporino, palatoschisi, dita palmate).

Quali sono le procedure più utilizzate dal chirurgo plastico?

A seconda della problematica medica da trattare, il chirurgo plastico ha a disposizione diverse tecniche e procedure da poter utilizzare.

Le metodiche utilizzate più di frequente sono:

  • gli impianti: è la procedura di pertinenza del chirurgo plastico più conosciuta. Tra quelli più frequentemente effettuati ci sono le protesi mammarie, ma procedure simili vengono svolte anche su zigomiglutei e polpacci, con l’obiettivo di “riempire” una certa area anatomica. Altre tipologie di impianto vengono invece utilizzate per sostituire parti di organo, come accade ad esempio per il naso e per l’orecchio;
  • gli innesti: sono porzioni di tessuto prelevate da un individuo per essere impiantate in un altro individuo o in un’altra area del medesimo organismo (in quest’ultimo caso si parla più propriamente di “autoinnesto”);
  • i lembi: sono porzioni di tessuto che mantengono una connessione (“peduncolo”) con l’area ricevente su cui vengono innestati (l’area su cui si innesta il tessuto è quindi limitrofa all’area da cui è stato prelevato il tessuto).

Quando chiedere un appuntamento con il chirurgo plastico?

È necessario chiedere un appuntamento al chirurgo plastico quando si debba monitorare un decorso post-operatorio. In tutti gli altri casi solitamente si viene indirizzati al chirurgo plastico dal proprio medico di medicina generale o da altri specialisti.

Unità Operativa in cui opera il chirurgo plastico

Per approfondimenti sull’attività del chirurgo plastico, vedi l’Unità Operativa di Chirurgia generale di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Prenotazioni online e info

Per prenotazioni esami o informazioni sulle prenotazioni degli esami in Humanitas Gavazzeni Bergamoclicca qui.