Tachipnea

Che cos’è la tachipnea?

La tachipnea, detta anche polipnea, è l’aumento della frequenza delle respirazioni che da 16 al minuto – atti respiratori compiuti in genere da un adulto sano – possono diventare addirittura 40-60.

La tachipnea si distingue dall’iperpnea, forma più grave di difficoltà respiratoria, che all’aumento della frequenza delle respirazioni aggiunge anche una maggiore profondità degli stessi atti respiratori provocando una maggiore ventilazione polmonare.

 

Quali altri sintomi possono essere associati alla tachipnea?

In genere la tachipnea si accompagna a un aumento dei battiti del cuore, da mancanza d’aria e da un senso di affaticamento.

 

Quali sono le cause della tachipnea?

La tachipnea può anzitutto essere provocata dall’esecuzione di un intenso sforzo fisico. Può però avere anche origine patologica.

Tra le patologie che possono essere collegate alla tachipnea ci sono: embolia, embolia polmonare, fibrosi cistica, infarto polmonare, intossicazione da monossido di carbonio, polmonite, sepsi, ulcera duodenale.

 

Quali sono i rimedi contro la tachipnea?

Per curare la tachipnea è necessario risalire alla causa che l’ha provocata, attraverso un intervento del proprio medico che, analizzata la situazione, consiglierà le misure curative da adottare.

 

Tachipnea, quando rivolgersi al proprio medico?

La presenza di tachipnea deve essere sottoposta all’attenzione del proprio medico di fiducia quando si è soggetti a una delle patologie che possono essere collegate a questo sintomo (vedi elenco sopra).

 

Area medica di riferimento per la tachipnea

In Humanitas Gavazzeni Bergamo l’area medica di riferimento per la tachipnea è l’Unità Operativa di Pneumologia.