Cobalto

Che cos’è il cobalto?

Il colbalto è un minerale presente in piccole quantità nell’organismo umano, e per questo chiamato anche “microelemento”, “oligoelemento” o “microcostituente”. Nell’organismo umano svolge ruoli molto importanti. Il suo simbolo chimico è Co.

 

A che cosa serve il cobalto?

Il cobalto riveste notevole importanza biologica, soprattutto come costituente della vitamina B12 e come cofattore di diversi enzimi. A livello del sistema nervoso è utile per il benessere della mielina, la guaina che riveste nervi, garantendo la trasmissione dell’impulso nervoso.

È inoltre coinvolto nella produzione dei globuli rossi e di composti antibatterici e antivirali che prevengono le infezioni, partecipa al metabolismo dei grassi e dei carboidrati, alla produzione delle proteine e alla conversione dei folati nella loro forma attiva.

 

In quali alimenti è presente il cobalto?

Diversi sono gli alimenti in cui è presente il cobalto: fegato, reni, ostriche, vongole, pesce, latte, soia e birra.

 

Qual è il fabbisogno giornaliero di cobalto?

Il fabbisogno giornaliero medio di cobalto per un soggetto adulto è compreso tra 5 e 8 mg.

 

Quali conseguenze può determinare la carenza di cobalto?

Diverse sono le conseguenze cui può dar vita la carenza di cobalto, soprattutto quando associata a carenza di vitamina B12: anemia perniciosa, affaticamento, debolezza, intorpidimento degli arti, nauseaperdita di peso, confusione, mal di testa.

Se prolungata nel tempo la carenza di questo minerale può causare disturbi neurologici, danni ai nervi, perdita di memoria, cambiamenti dell’umore e psicosi.

 

Quali conseguenze può determinare un eccesso di cobalto?

Quantità eccessive di cobalto possono comportare l’insorgenza di problemi cardiaci, oltre a un aumento del rischio di formazione di coaguli sanguigni e di ictus dovuto a una produzione eccessiva di globuli rossi.

 

È utile assumere cobalto sotto forma di integratori e supplementi alimentari?

Per il trattamento di condizioni come l’anemia perniciosa il cobalto può essere prescritto sotto forma di vitamina B12. Per garantire però al proprio organismo un’assunzione sufficiente di questo minerale è bene seguire un’alimentazione equilibrata e varia.