Attacco di panico

Che cos’è un attacco di panico?

L’attacco di panico è una situazione improvvisa di spavento, dovuto al fatto che si ha la sensazione di non avere tutto sotto controllo. In genere l’attacco di panico si esaurisce da sé in pochi minuti e non lascia conseguenze sotto il profilo fisico.

Ciò non toglie che l’attacco di panico, soprattutto quando si presenta con una certa frequenza, debba essere tenuto sotto controllo e portato a conoscenza del proprio medico, perché questi provveda a individuarne le cause e a indicarne la cura.

Quali sintomi possono essere associati a un attacco di panico?

L’attacco di panico in genere è associato a vari sintomi, tra i quali ci sono: tachicardia, giramento di testa, nausea, difficoltà respiratoria, svenimento.

Che cosa bisogna fare in caso di attacco di panico?

Se l’attacco di panico compare in locali chiusi e affollati, può essere utile uscire all’aria aperta. Molte volte gli attacchi possono essere combattuti con una leggera camminata, sempre all’aria aperta.

Importante è sempre e comunque cercare di controllare la propria respirazione, cercando di contenerla e di mantenerla il più possibile a ritmo costante.

Che cosa non bisogna fare in caso di attacco di panico?

La prima cosa da non fare se si è vittime di un attacco di panico è sottovalutarne la portata e non cercare di mettervi freno sforzandosi di mantenere la calma e controllando la propria respirazione.

Importante avvertenza

Le informazioni di questa scheda forniscono semplici suggerimenti utili a tenere sotto controllo la situazione in caso di attesa dei soccorsi e non sono in nessun caso da considerarsi interventi che possano sostituire l’intervento degli operatori di primo soccorso.