Artrodesi delle vertebre cervicali

Che cos’è l’artrodesi delle vertebre cervicali?

L’artrodesi delle vertebre cervicali è una tecnica chirurgica con cui si accede alla colonna vertebrale per unire ossa che sono presenti nel tratto cervicale della stessa colonna vertebrale.

L’unione delle ossa viene eseguita inserendo impianti (cage, plate-cage, placche) che possono essere di metallo, nello specifico di titanio, o non metallici. Per dare solidità all’unione è necessario un innesto di osso, che può essere prelevato dalle vertebre, dalla cresta iliaca o può essere di origine sintetica.

L’artrodesi delle vertebre cervicali può essere di due tipi:

  • per via anteriore, quando si accede alla colonna vertebrale dalla parte anteriore del collo
  • per via posteriore, quando si accede alla colonna vertebrale dalla parte posteriore del collo.

Le soluzioni sono ugualmente valide. La scelta di un approccio anteriore o posteriore è in genere legata all’area interessata dalla parte preminente del problema.

L’artrodesi delle vertebre cervicali per via anteriore permette al chirurgo di controllare meglio la compressione midollare e comporta minori fastidi o dolori post-operatori. Dal canto suo, pur richiedendo un ricovero ospedaliero più lungo, l’approccio posteriore comporta, rispetto a quello anteriore, minori rischi per vasi sanguigni, visceri e nervo laringeo ricorrente.

Quando viene eseguita l’artrodesi delle vertebre cervicali?

L’esecuzione dell’intervento di artrodesi delle vertebre cervicali viene disposto in caso di deformazioni dovute a traumi e in presenza di tumori, stenosi cervicale, spondilosi cervicale, infezioni o deformità di origine degenerativa.

Come viene eseguita l’artrodesi delle vertebre cervicali?

L’artrodesi delle vertebre cervicali viene eseguita in anestesia generale. Durante l’intervento il paziente è posizionato in modo tale da evitare un ritorno venoso nelle gambe.

Il chirurgo effettua un’incisione sul collo, orizzontale o longitudinale, attraverso cui viene effettuata una discectomia, si procede a una fusione ossea con innesto oppure si provvede all’inserimento di un impianto.

Nel corso di un singolo intervento è possibile intervenire su più vertebre. Può essere prevista l’applicazione di elettrodi con cui monitorare l’attività nervosa e di un catetere vescicale.

L’artrodesi delle vertebre cervicali prevede una preparazione specifica?

Il paziente deve rispettare le indicazioni alimentari e relative ai farmaci fornite dal medico e deve recare con sé gli esiti degli esami eseguiti in precedenza.

L’artrodesi delle vertebre cervicali ha controindicazioni?

L’artrodesi delle vertebre cervicali può comportare leggeri fastidi o dolori post-operatori. Possibili complicazioni possono avere una natura vascolare (danni alle arterie) o nervosa (disfagia o raucedine). Gli innesti metallici o non metallici possono provocare artrosi.

Unità operative e Ambulatori Specialistici