Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Radioterapia stereotassica corporea

Pubblicato in Radioterapia

SINTESI


Che cos’è la radioterapia stereotassica corporea?

La radioterapia stereotassica corporea è un'innovativa tecnica non invasiva che permette di erogare con grande precisione una cospicua dose di radiazioni su un volume tumorale, provocandone la necrosi, cioè la morte dal punto di vista cellulare attraverso l’alto gradiente di dose che si crea fra il volume bersaglio e i tessuti sani.

Quando viene eseguita la radioterapia stereotassica corporea?

Lo specialista radioterapista dispone l’esecuzione della radioterapia stereotassica corporea dopo avere ricostruito la storia clinica del paziente, avere analizzato il quadro clinico e gli esami strumentali già eseguiti (TAC, RMN, PET) e avere valutato i rischi e i benefici dell’esecuzione del trattamento.

 

La radioterapia stereotassica corporea può essere utilizzata come trattamento di varie patologie neoplastiche, tra le quali più frequentemente: tumori primitivi e metastatici del polmone, metastasi isolate dei linfonodi dell’addome o della pelvi, metastasi surrenaliche o dei corpi vertebrali e, in casi molto selezionati, tumori primitivi o metastatici del fegato. Viene inoltre utilizzata in ambito ancora sperimentale in casi particolari di tumore della prostata e del pancreas.

Come viene eseguita la radioterapia stereotassica corporea?

La radioterapia stereotassica corporea non richiede alcuna anestesia, ed è eseguita a livello ambulatoriale in due fasi:

  1. fase di pre-trattamento, nella quale si provvede a immobilizzare la parte del corpo del paziente da sottoporre a radioterapia e a effettuare una TC di simulazione, cioè con il paziente in posizione di trattamento, nel corso della quale vengono acquisite le informazioni anatomiche utili a impostare il piano di trattamento personalizzato.
  2. La fase di trattamento, che prevede una seduta quotidiana della durata di circa 15-20 minuti, ripetuta per un numero limitato di sedute (generalmente fino a 5-6, qualche volta fino a 8-10). In questa fase il medico può decidere di procedere con una terapia di profilassi pre-radioterapia per ridurre gli effetti di infiammazione indotti dal trattamento.

La radioterapia stereotassica corporea ha effetti particolari sul paziente?

Il paziente che si sottopone a radioterapia stereotassica corporea – del tutto indolore – non subisce alcun influsso radioattivo e ultimato l’esame può tornare tranquillamente alla sua vita normale.

 

MEDICI


Area medica di riferimento

Per avere maggiori informazioni sulla radioterapia stereotassica corporea, rivolgersi all’Unità Operativa di Radioterapia di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

 

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.