Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina D

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina D

La vitamina D è una vitamina liposolubile. Poiché appartiene all’ordine delle vitamine liposolubili non deve essere assunta di continuo attraverso l'alimentazione: può infatti essere immagazzinata dall’organismo e utilizzata secondo necessità. La vitamina D si presenta sotto due forme: l’ergocalciferolo (o vitamina D2), che viene assunto con il cibo, e il colecalciferolo (o vitamina D3), che viene sintetizzato dall'organismo.

 

Viene in grande parte accumulata dal nostro organismo attraverso l’esposizione ai raggi solari e va integrata solo in situazioni particolari come crescitagravidanza e allattamento.

A che cosa serve la vitamina D?

La vitamina D viene sintetizzata dal nostro organismo soprattutto mediante l’assorbimento dei raggi del sole a livello cutaneo. La vitamina D regola il metabolismo del calcio: per questo gioca un ruolo di primaria importanza nell’azione di calcificazione delle ossa. La vitamina D contribuisce inoltre a mantenere nella norma i livelli di calcio e di fosforo nel sangue.

In quali alimenti è presente la vitamina D?

A differenza di ciò che comunemente si crede, la vitamina D è scarsamente presente negli alimenti (l’unica eccezione è data dall’olio di fegato di merluzzo). Tra le fonti alimentari si possono ricordare comunque alcuni pesci grassi, latte e derivati, uova, fegato e verdure verdi.

Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina D?

Il fabbisogno giornaliero medio di vitamina D varia molto in base all'età del soggetto. Si va dalle 200 unità al giorno per i bambini e gli adulti fino ai 50 anni, si passa alle 400 unità per le persone con età compresa tra i 51 e i 70 anni, fino ad arrivare alle 600 unità per le persone con più di 70 anni.

Carenza di vitamina D

Diverse sono le conseguenze negative che possono scaturire dalla carenza di vitamina D: scarsa calcificazione delle ossa (con conseguenze molto varie che possono andare dal rachitismo per i bambini, a deformazioni ossee di varia natura, fino ad arrivare all'osteomalacia, malattia caratterizzata da contenuto minerale osseo insufficiente nonostante l'osso appaia esternamente integro).

 

La mancanza di Vitamina D inoltre indebolisce i denti e li rende più vulnerabili alle carie.

Eccesso di vitamina D

Se assunta in eccesso, la vitamina D può comportare calcificazione diffusa a livello di diversi organi con conseguente vomitodiarrea e spasmi muscolari.

Quali comportamenti possono provocare una carenza di vitamina D?

Una ridotta esposizione al sole è il principale comportamento che può avere come conseguenza una carenza di vitamina D. Anche altri comportamenti come l’abuso di alcol e il consumo di sostanze stupefacenti possono comportare una "dispersione" della vitamina. L’uso di certi farmaci può infine influire sulla quantità di vitamina D presente nell'organismo.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.