Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Anca

Pubblicato in Anatomia


Che cos’è l’anca?

L’anca è l’articolazione mobile che collega la gamba al bacino e che permette all’organismo umano di camminare, correre e saltare.

 

L’anca è un’articolazione flessibile, che consente una vasta gamma di movimenti, sopporta il peso della parte superiore del corpo e la forza che viene esercitata dai muscoli delle gambe e presenti nei fianchi.

Com’è strutturata l’anca?

L’anca è formata da femore e osso iliaco. L’acetabolo, struttura concava dell’osso iliaco, accoglie la testa del femore, osso della gamba. Attorno a queste strutture c’è la cartilagene che attutisce i colpi ed evita che ci sia attrito tra le ossa quando scorrono una sull’altra. L’articolazione è lubrificata dal liquido sinoviale che viene prodotto dalle membrane che circondano la cartilagene.

 

Nell’anca sono presenti molti legamenti che evitano che l’articolazione subisca una lussazione: l’ileofemorale, l’ischiofemorale e il pubofemorale sono legamenti extracapsulari, sono attaccati alle ossa del bacino e hanno la funzione di limitare i movimenti eccessivi dell’articolazione. Un quarto legamento è il legamento teres, un legamento intracapsulare che è attaccato all’acetabolo e che si stira solo in presenza di una lussazione dell’anca, prevenendo altri danni.

 

L’anca è anche circondata da muscoli che permettono alle ossa di restare unite scongiurando il pericolo di lussazione.

Qual è la funzione dell’anca?

L’anca sostiene il corpo e permette di compiere tutti i movimenti propri delle gambe, come camminare, correre, saltare.

 

La flessibilità dell’anca si accompagna alla sua capacità di sopportare le grandi pressioni e forze che agiscono sul corpo durante i movimenti, soprattutto quelli più intensi, come la corsa.

 

Quando l’anca subisce un danneggiamento per un trauma o a causa dell’invecchiamento è possibile mantenere la funzionalità di questa articolazione attraverso la sua sostituzione con una protesi.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.