PET/CT total body con 18F-Colina

(Codice SSR 6192186)

 

Che cos’è la PET/CT total body con 18F-colina?

La PET/CT (Positron Emission Tomography/Computed Tomography) è una tecnica di indagine medico-nucleare ibrida che combina l’informazione funzionale ottenuta dopo somministrazione di uno specifico radiofarmaco (immagine PET) con la mappa anatomica fornita da una CT a bassa dose senza mezzo di contrasto.

Per la PET/CT total body con 18F-colina viene utilizzato un radiofarmaco, la colina, che si concentra in maniera elevata nelle cellule del tumore della prostata e delle localizzazioni a distanza di questa malattia.

 

A che cosa serve la PET/CT total body con 18F-colina?

La PET/CT total body con 18F-colina trova indicazione principalmente nella valutazione dei pazienti con tumore della prostata.

 

Come si svolge la PET/CT total body con 18F-colina?

L’esecuzione della PET/CT total body con 18F-colina prevede la somministrazione per via endovenosa di un radiofarmaco che si distribuisce a livello delle localizzazioni di malattia di origine prostatica.

Dopo circa 1 ora dalla somministrazione il paziente viene posizionato sul lettino dell’apparecchiatura PET/CT e viene avviata l’acquisizione delle immagini della durata di circa 20 minuti.

 

Durata della PET/CT total body con 18F-colina

La PET/CT total body con 18F-colina ha una durata complessiva di circa 2 ore.

 

Preparazione alla PET/CT total body con 18F-colina

Per sottoporsi alla PET/CT total body con 18F-colina è necessario presentarsi a digiuno da almeno 6 ore. È permessa la regolare assunzione di acqua.

Si raccomanda al paziente di portare la documentazione clinica (lettera di dimissione, visite specialistiche, esami radiologici, ecc.) ed eventuali precedenti.

 

Controindicazioni alla PET/CT total body con 18F-colina

Il radiofarmaco utilizzato per l’esame non provoca effetti collaterali, non è un mezzo di contrasto e non provoca reazioni allergiche.

Per motivi di radioprotezione, è sconsigliato essere accompagnati da persone minorenni e da donne in età fertile, in particolare se in gravidanza. Per lo stesso motivo, per le 24 ore successive all’esame, è bene non avere contatti con queste categorie di persone.

È richiesta la presenza di un accompagnatore nel caso in cui il paziente soffra di claustrofobia, condizione che richiede l’assunzione di ansiolitici da parte del paziente. In questo caso, dopo l’esame, è sconsigliabile la guida di veicoli. Un accompagnatore è inoltre necessario in caso di soggetti non auto-sufficienti (compresi i minori) o con barriere linguistiche o cognitive.

 

Area di riferimento per la PET/CT total body con 18F-colina

Per avere maggiori informazioni sulla PET/CT total body con 18F-colina, vedi l’Unità Operativa di Medicina Nucleare di Humanitas Gavazzeni Bergamo.