La postura della testa, che è la posizione che questa assume nelle varie situazioni della vita quotidiana, se non corretta può determinare l’insorgere di patologie di varia natura.

Non si tratta solo di problemi collegati alle ossa e alla muscolatura, come sottolineano gli specialisti del Centro di Chiropratica di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Le persone nascono con una postura errata della testa o è un risultato delle nostre azioni nel corso del tempo?

«È più la seconda ipotesi: è certamente una postura che si sviluppa nel tempo. Negli ultimi 20 anni registriamo un enorme aumento della postura della testa in avanti. Questo è dovuto soprattutto all’utilizzo dei computer e dei cellulari. La traslazione della testa anteriore carica un sacco di peso in avanti che, di conseguenza, i muscoli provano costantemente a compensare esercitando una forza equivalente all’indietro. Naturalmente, la postura della testa in avanti non è una condizione nuova. I chiropratici, da molto tempo, stanno trattando e educando i loro pazienti sui pericoli di questa postura, e le condizioni di salute che ne conseguono sono ben studiate e documentate».

Quali problemi possono sorgere a seguito di una postura non corretta della testa?

«Vari studi hanno oramai dimostrato che le deviazioni dal centro di gravità del corpo (cattiva postura) provocano le seguenti problematiche: disfunzioni intestinali, emorroidi, vene varicose, osteoporosi, anca e piedi deformi, poca salute, diminuzione della qualità della vita e una durata della vita più breve. Per altri ricercatori, inoltre, l’influenza più significativa della postura è quella che si ha sull’ossigenazione e sulla funzione simpatica del nostro sistema nervoso. La postura della testa in avanti, inoltre, può aggiungere oltre 13 kg di leva anomala sulla colonna vertebrale cervicale, generando un disallineamento di tutta la colonna vertebrale e comportando la perdita del 30% della vitale capacità polmonare».

Come prevenire tutte le negatività generate dalla scorretta postura della testa?

«La cosa più importante è la conoscenza; vediamo difatti dei bambini che corrono con enormi zaini trasportando carichi pesanti e trascorrono troppo tempo con la testa china sui computer e sugli smartphone. È davvero una questione di educazione. Si tratta di prevenire, perché una volta che si sviluppa una postura della testa in avanti, è molto più difficile sbarazzarsene. La buona notizia è che quando si ricevono dei regolari aggiustamenti vertebrali, nel corso del tempo, le posture sbagliate possono essere corrette. Questo è il motivo per cui tutti dovrebbero andare da un chiropratico con una certa regolarità, al fine  di correggere questi problemi in modo naturale, senza farmaci o interventi chirurgici»