Epatite virale

Che cos’è l’epatite virale?

I virus dell’epatite Aepatite Bepatite C ed epatite D sono le principali cause di epatite virale acuta e cronica. La diffusione delle infezioni virali e dei fattori di rischio a esse correlati ha subito nell’ultimo decennio notevoli variazioni.

Il miglioramento generale delle condizioni igienico sanitarie, la vaccinazione obbligatoria per il virus B, la vaccinazione per il virus A, la maggior attenzione in comportamenti a rischio soprattutto per la paura dell’AIDS, il miglioramento dell’igiene nelle procedure sanitarie (materiali monouso, sterilizzazione più accurata, ecc.) e lo sviluppo di test diagnostici che permettono il riconoscimento dei virus (trasfusioni sicure) hanno permesso di ridurre la trasmissione delle epatiti virali.

Come può essere individuata l’epatite virale?

Per effettuare una diagnosi dei diversi tipi di epatite virale è bene consultare uno specialista che, potrà richiedere innanzitutto esami del sangue che includano la ricerca delle transaminasi AST e ALT. Si tratta di enzimi che segnalano la funzionalità epatica e si modificano in rapporto alla fase della malattia (acuta o cronica). Un’alterazione delle transaminasi rappresenta una spia del danno subito dalla cellula epatica a causa dell’infezione virale.

Potrà inoltre essere richiesta una biopsia epatica o il Fibroscan che permette di rilevare i differenti stadi della malattia: dalle prime fasi di infiammazione alla progressiva degenerazione del tessuto epatico delle epatiti croniche che possono evolvere in cirrosi e/o in tumore.

Come si può curare l’epatite virale?

I trattamenti relativi all’epatite virale variano a seconda della tipologia di epatite. Per entrare nel dettaglio si rimanda alle schede specifiche:

Area medica per l’epatite virale

Per avere maggiori informazioni sull’epatite virale, vedere Ambulatorio di Epatologia – Servizio malattie epatiche e infettive di Humanitas Gavazzeni Bergamo.