COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Antimoniato di meglumina

L’antimoniato di meglumina è un antiparassitario, in particolare un farmaco antiprotozoario il cui meccanismo di funzionamento non è del tutto noto, si pensa comunque che agisca riducendo le difese antiossidanti del parassita e riducendo la sua capacità di produrre l’energia necessaria alla sua sopravvivenza.

A che cosa serve l’antimoniato di meglumina?

L’antimoniato di meglumina viene utilizzato per trattare la leishmaniosi, una malattia causata da protozoi.

Come si assume l’antimoniato di meglumina?

L’antimoniato di meglumina viene assunto mediante iniezioni eseguite sotto stretto controllo medico.

Quali effetti collaterali ha l’assunzione di antimoniato di meglumina?

Tra gli effetti avversi che si possono manifestare a seguito dell’assunzione di antimoniato di meglumina ci sono: febbre, brividi, artralgia, anoressia, mal di testa, problemi gastrointestinali, letargia, tosse spasmodica, malessere generale, mialgia.

È necessario contattare al più presto un medico nel caso in cui si manifestino effetti come: prurito, orticaria, rash, senso di oppressione al petto, difficoltà respiratorie, battito cardiaco irregolare, gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua, nausea, febbre, vomito, dolore alla parte alta dell’addome che si estende verso la schiena, leucopenia, stanchezza, riduzione della frequenza della minzione, riduzione della quantità di urine prodotte.

Quali sono le controindicazioni all’uso di antimoniato di meglumina?

Prima di sottoporsi a un trattamento con antimoniato di meglumina è importante informare il medico di:

  • presenza di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze (in particolare ai solfiti).
  • assunzione contemporanea di altri medicinali, di fitoterapici e di integratori, in particolare farmaci che posso prolungare l’intervallo QT.
  • sofferenza attuale o passata di malattie cardiache, renali, epatiche o del pancreas.
  • gravidanza o allattamento.

Durante il trattamento è bene non assumere sostanze alcoliche.

Avvertenza

Le informazioni riportate sono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico.

Prenota una visita

Prenotazioni

Servizio Sanitario Nazionale: 035 4204300
dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16

Privati e Convenzionati: 035 4204500
dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13