COME TI POSSIAMO AIUTARE?

CENTRALINO

035.4204111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI

Prenotazioni telefoniche SSN
035.4204300
Prenotazioni telefoniche Private
035.4204500

LINEE DEDICATE

Diagnostica per Immagini
035.4204001
Fondi e Assicurazioni
035.4204400
Humanitas Medical Care Bergamo
035.0747000

Tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee

Che cos’è la tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee?

La tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee è l’intervento chirurgico con cui si interviene su una stenosi carotidea, cioè sul restringimento di una delle arterie carotidi che ha come conseguenza una diminuzione di sangue che riesce ad arrivare al cervello.

Il restringimento di una delle arterie carotidi (stenosi carotidea) può non avere nessun sintomo evidente ed essere scoperto attraverso l’esecuzione di un ecocolordoppler arterioso.

 

Quando viene eseguita la tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee?

Il trattamento chirurgico della tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee viene in genere suggerito in presenza di una stenosi superiore al 70%, oppure in presenza di una stenosi di almeno il 50% ma che abbia manifestato sintomi neurologici come sensazione di perdita di forza a una mano o a una gamba, alterazioni nel parlare o perdita improvvisa della visita da parte di un occhio fino ad arrivare all’ictus.

Una stenosi del 60% merita invece una valutazione specialistica chirurgica vascolare.

 

Come viene eseguita la tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee e qual è la sua durata?

La stenosi carotidea può essere operata per via tradizionale con l’intervento denominato tromboendoarteriectomia (TEA), che prevede l’asportazione (escissione) chirurgica della placca aterosclerotica.

L’intervento dura circa 45-60 minuti e prevede un’incisione laterale al collo dal lato interessato dalla lesione, la temporanea chiusura (clampaggio) del segmento di carotide ristretto e l’asportazione della placca. L’arteria viene poi ricostruita direttamente o con l’impiego di una pezza di allargamento (patch) e successivamente riaperta al flusso di sangue.

In alternativa si può intervenire anche per via endovascolare, attraverso il rilascio di una maglia metallica (stent) che schiaccia la placca aterosclerotica lasciando aperto il vaso arterioso.

 

Quale tipo di anestesia è prevista per l’esecuzione della tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee?

La tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee può essere eseguita in anestesia locale o generale. Durante la procedura chirurgica viene attentamente monitorata la circolazione a livello cerebrale attraverso specifiche apparecchiature, da questo punto di vista è più indicata l’anestesia locale.

 

La tromboendoarteriectomia (TEA) nelle stenosi carotidee ha controindicazioni?

Una volta eliminata la stenosi carotidea, si riduce notevolmente il rischio che un paziente possa incorrere in problematiche neurologiche come ischemia o ictus. È comunque assolutamente importante “cambiare” lo stile di vita mettendo in pratica azioni di prevenzione secondaria come l’eliminazione del fumo di sigaretta, il controllo dei valori glicemici e di pressione del sangue, la riduzione dell’assunzione di grassi, l’attività fisica costante.