Devitalizzazione

Che cosa è la devitalizzazione?

La devitalizzazione, o cura canalare, è la terapia odontoiatrica che prevede l’eliminazione della polpa (“nervo”), del dente quando è intaccata da una carie profonda o da una frattura.

A che cosa serve la devitalizzazione?

L’odontoiatra ricorre alla devitalizzazione o cura canalare per eliminare il dolore causato dalla carie penetrata fino alla polpa del dente (ascesso).

Questa condizione malata del dente è irreversibile. L’intervento di devitalizzazione consiste quindi nell’eliminazione della polpa dentale sostituendola con appositi materiali. Si ricorre infine all’otturazione e al sigillo di tutti i canali per evitare che i batteri, nel tempo, possano nuovamente infettare lo stesso dente.

Modalità e tempi di esecuzione della devitalizzazione

La devitalizzazione richiede, a seconda del singolo caso, una o più sedute, ed elimina definitivamente il dolore e il gonfiore. Solitamente il dentista effettua l’anestesia locale.

Privato della polpa, il dente tende a essere più fragile, a disidratarsi e può rompersi. In queste situazioni, è necessario ricoprire il dente devitalizzato con una corona protesica (capsula).

Norme di preparazione alla devitalizzazione

Non ci sono norme di preparazione alla devitalizzazione.

Controindicazioni alla devitalizzazione

Per poter effettuare la devitalizzazione è necessario che il paziente si presenti senza l’infiammazione in corso, e deve quindi aver completato una terapia antibiotica precedentemente prescritta dal medico dentista.

Area medica di riferimento per la devitalizzazione

Per maggiori informazioni sulla devitalizzazione, vedere il Centro Odontoiatrico di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.