Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Stato confusionale

Pubblicato in Sintomi e disturbi


Che cos’è lo stato confusionale?

Una persona è in uno stato confusionale quando non riesce a ragionare in modo corretto e rapido. Lo stato confusionale può manifestarsi in vari modi: dalla mancanza di memoria all’incapacità di restare concentrati, dall’impossibilità di prendere decisioni alla presenza di comportamenti aggressivi e inconsueti.

 

Lo stato confusionale può presentarsi all’improvviso o svilupparsi nel tempo, poco alla volta. Può risolversi in un breve lasso di tempo o può essere permanente, incurabile, come quando deriva dalle patologie legate alla demenza.

Quali sono le cause dello stato confusionale?

Uno stato confusionale può essere provocato da traumi cranici, consumo di alcol o sostanze stupefacenti, carenze di sonno o nutrizionali, ipotermia o consumo di alcuni farmaci.

 

Alla base di uno stato confusionale ci possono essere anche varie patologie, tra le quali ci sono: Alzheimer, anemia, angina pectoris, aterosclerosi, cirrosi epatica, cistite, diabete, ictus, infarto miocardico, insufficienza cardiaca, ipertiroidismo, ipotiroidismo, leucemia, meningite, polmonite, sepsi, sifilide, toxoplasmosi, tumori al cervello, ustioni.

Quali sono i rimedi contro lo stato confusionale?

Per curare lo stato confusionale bisogna individuare e intervenire sulla sua causa. Le persone in stato confusionale non devono mai essere lasciate da sole e devono essere assistite e mantenute in un ambiente calmo e tranquillo.

Stato confusionale, quando rivolgersi al proprio medico?

È consigliabile rivolgersi al proprio medico quando lo stato confusionale si presenta per la prima volta e dura per più di 10 minuti. Si consiglia di rivolgersi direttamente a un pronto soccorso, invece, nel caso in cui la persona colpita da stato confusionale soffra di diabete, abbia subito un trauma cranico, soffra di altri sintomi come febbre, sudori freddi, capogiri, mal di testa, polso accelerato, respiro irregolare, brividi.

Unità Operativa di riferimento

In Humanitas Gavazzeni Bergamo si occupa di stato confusionale l'Unità Operativa di Neurologia.

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.