Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Manometria esofagea

Pubblicato in Esami invasivi

 

Che cos'è la manometria esofagea?

La manometria esofagea è una metodica che permette di studiare la motilità dell'esofago introducendo in esso un catetere in grado di misurare le variazioni di pressione che si verificano nel lume dell'organo.

 

Si utilizzano cateteri con un diametro di 2-5 mm provvisti di diversi canali e orifizi disposti lungo il tubo: nei sistemi "perfusi" i canali sono occupati da una colonna d'acqua e ognuno di essi è connesso a un trasduttore esterno; la pressione presente nel lume esofageo viene, in questo modo, trasmessa dalla colonna d'acqua lungo ogni canale fino al trasduttore che la trasforma in un segnale elettrico.

A che cosa serve la manometria esofagea?

La manometria esofagea permette di valutare la funzionalità del corpo dell'esofago e dello sfintere esofageo inferiore (LES).


L'esame viene indicato ogni volta che si sospetti un'alterazione della fisiologica motilità dell'esofago: questo può tradursi, dal punto di vista sintomatologico, in reflusso acido dallo stomaco, difficoltà nella deglutizione o dolore toracico.

 

Le patologie che si individuano sono: l'acalasia, lo spasmo esofageo diffuso, i disordini motori aspecifici o secondari ad altre malattie (come la sclerosi sistemica) e il reflusso gastroesofageo.

Norme di preparazione della manometria esofagea

La preparazione alla manometria esofagea consiste nel digiuno a partire almeno dalle 4 ore precedenti l'esame e nella sospensione delle terapie farmacologiche che possono influenzare la motilità dell'esofago e del LES.

Come si svolge la manometria esofagea

Per eseguire la manometria esofagea il paziente viene posto in posizione seduta e premedicato con un anestetico locale spruzzato in gola e nel naso. Dopo aver rimosso eventuali protesi dentarie, il catetere viene introdotto attraverso una narice fino all'orofaringe; a questo punto viene chiesto al paziente di flettere il capo in avanti e deglutire in modo da facilitare il passaggio del tubo in esofago. Il catetere è correttamente posizionato quando almeno tre orifizi di misurazione si trovano nello stomaco: di qui in avanti il paziente dovrà rimanere supino con la testa dritta.

 

La registrazione avverrà dopo 10 minuti dal posizionamento affinché cessi ogni attività motoria scatenata dall'intubazione. Durante l'esame, inoltre, il paziente dovrà cercare di ridurre al minimo le deglutizioni.

 

La manometria esofagea è generalmente ben tollerata; occasionalmente si possono verificare vomito, lipotimia, broncospasmo.

 

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.