Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina B1 (tiamina)

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina B1

La vitamina B1 è una vitamina del gruppo B corrispondente chimicamente alla Tiamina (altro nome con cui è conosciuta questa vitamina). Appartiene al gruppo delle vitamine idrosolubili, ovvero quelle vitamine che non possono essere accumulate nell'organismo e che quindi devono essere assunte con regolarità mediante una dieta varia ed equilibrata per assicurarne il giusto apporto.


A che cosa serve la vitamina B1?

La vitamina B1 è implicata soprattutto nel metabolismo dei carboidrati: gioca infatti un importante ruolo nel meccanismo di trasformazione del glucosio in energia. È una vitamina importante per molti organismi, compresi tutti i vertebrati e gli insetti studiati al riguardo.


In quali alimenti è presente la vitamina B1?

La vitamina B1 è presente negli alimenti sia animali, sia vegetali. In particolare si trova nei cereali (è particolarmente abbondante nella cuticola che avvolge i semi), nei legumi, nelle uova, nella carne di maiale, nel lievito.


Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina B1?

Il fabbisogno giornaliero di vitamina B1 negli adulti è valutato in circa 1-1,5 mg al giorno: in particolare si ritiene che per le donne siano sufficienti 0,9 mg giornalieri, mentre per gli uomini il fabbisogno quotidiano è pari a circa a 1,2 mg. Generalmente per soddisfare il fabbisogno di questa vitamina è sufficiente condurre un'alimentazione varia ed equilibrata.


Carenza di vitamina B1

Se l'assunzione di vitamina B1, o Tiamina, è così ridotta che l'organismo risulta andare in carenza, le conseguenze negative per la salute umana possono essere differenti: si va da uno stato generale di deperimento e perdita di peso dovuto a una crescente difficoltà a ingerire cibo accompagnata dalla presenza di vomito, fino ad arrivare nei casi più gravi a danni al sistema nervoso e cardiovascolare e a disturbi neurologici. Nei casi più gravi le lesioni vascolari e del sistema nervoso causate dalla carenza di vitamina B1 possono portare al semi-coma e alla morte.

 

La carenza di vitamina B1 provoca nell’uomo una sindrome conosciuta come beri-beri – che spesso si accompagna a deficit di altre vitamine del gruppo B – caratterizzata da turbe sensitive, motorie e psichiche, miocardiopatia, astenia, anoressia.  


Eccesso di vitamina B1

Poiché le quantità eccedenti della vitamina B1 o Tiamina presenti nell'organismo umano vengono eliminate in tempi rapidi mediante l'urina, non si registrano problemi dovuti a un eccesso di assunzione di questa vitamina.


Perché la vitamina B1 è anche chiamata “vitamina del morale”?

La vitamina B1 o Tiamina ha la capacità di condizionare in modo positivo l'inclinazione mentale e comportamentale, per questo  è chiamata anche “vitamina del morale”. Poiché, inoltre, l'assunzione di questa vitamina nella giusta quantità migliora le capacità di attenzione e di apprendimento, ricopre un ruolo di grande importanza nel periodo di crescita dei bambini.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.