Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Muscoli volontari

Pubblicato in Anatomia


Che cosa sono i muscoli volontari?

I muscoli volontari sono i muscoli la cui contrazione è regolata da un’attività cerebrale volontaria. Sono anche chiamati muscoli rossi o muscoli striati.

 

I muscoli volontari si dividono in:

  • superficiali, che sono i muscoli mimici, presenti nella zona di collo e testa
  • profondi, che sono i muscoli scheletrici, collegati alle ossa e responsabili del movimento e i muscoli annessi ad altri organi (come ad esempio gli organi di senso).

 

Le fibre muscolari dei muscoli volontari sono tutte connesse alle terminazioni nervose che ricevono gli ordini – sotto forma di stimoli nervosi che inducono le contrazioni dei muscoli – direttamente dal cervello.

 

I muscoli non sono mai del tutto rilassati, nemmeno quando sono a riposo. In questa situazione sono infatti interessati da una costante e moderata tensione che viene chiamata tono muscolare (o tono posturale). Un tono muscolare al di sotto del normale viene definita ipotonia e può dipendere da una riduzione dei livelli di potassio nel sangue. Un tono al di sopra del normale (ipertonia) può invece essere dovuto a una riduzione dei livelli di calcio.


Classificazione dei muscoli volontari

in base alla loro modalità di azione i muscoli volontari possono essere classificati in:

  • agonisti, i muscoli che compiono un movimento
  • antagonisti, i muscoli che si oppongono al movimento di un altro muscolo
  • estensori, i muscoli che consentono a un’articolazione di aprirsi
  • flessori, quelli che consentono a un’articolazione di chiudersi
  • adduttori, i muscoli che portano un arto vicino al corpo
  • abduttori, quelli che consentono di allontanare un arto dal corpo
  • sinergici, quando due muscoli utilizzati all’unisono consentono di effettuare una stessa azione.

 

I muscoli volontari possono essere classificati anche in base alla loro forma al numero di capi di inserzione (bicipite, tricipite o quadricipte).


Qual è la funzione dei muscoli volontari?

I muscoli volontari hanno il compito di consentire alle persone di eseguire movimenti muscolari regolati dalla propria volontà, come ad esempio contrarre i muscoli facciali, muovere le mani, la lingua o un dito.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.