Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Intestino tenue

Pubblicato in Anatomia


Che cos’è l’intestino tenue?

L’intestino tenue è la parte di intestino più lunga, raggiunge una lunghezza di circa 7 metri, che viene suddivisa in tre distinte porzioni: il duodeno, il digiuno e l’ileo.

 

L’intestino tenue è collegato all’intestino crasso attraverso la valvola ileo-cecale.


Com’è fatto l’intestino tenue?

L’intestino tenue e tutto ripiegato su se stesso. Le sue pareti interne sono ricoperte di villi intestinali, che hanno il compito di assorbire i nutrienti introdotti con il cibo, e di pliche circolari, che contribuiscono ad aumentarne la superficie per poter meglio svolgere le funzioni di assorbimento e digestione dei principi nutritivi.

 

Le tre parti che compongono l’intestino tenue sono, come detto:

  • il duodeno, lungo circa 25 centimetri e a forma di C, rappresenta la parte iniziale dell’intestino ed è posto tra la parte terminale dello stomaco e la fessura duodenodigiunale. Il duodeno è ricoperto da una mucosa che elabora la secretina (l’ormone che stimola la produzione dei succhi che vengono coinvolti nel processo di digestione) e la serotonina (che è un neurotrasmettitore del sistema nervoso centrale) e che provvede ad assorbire il ferro e il calcio
  • il digiuno, parte centrale dell’intestino tenue, con pareti spesse e numero elevato di villi intestinali e pliche circolari
  • l’ileo, parte finale dell’intestino tenue, caratterizzato da pareti meno spesse e minor numero di villi intestinali e di pliche circolari.


Qual è la funzione dell’intestino tenue?

L’intestino tenue ha il duplice compito di terminare il processo di digestione cominciato dalla bocca e proseguito nello stomaco, attraverso l’azione dei succhi enterici prodotti dalle ghiandole del Lieberkühn, e di iniziare l’assorbimento del principi nutrienti introdotti attraverso gli alimenti.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.