Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Immunità aspecifica o innata

Pubblicato in Anatomia


Che cos’è l’immunità aspecifica o innata?

L’immunità aspecifica o innata – detta anche immunità naturale, ereditaria o costitutiva – è un’immunità non specifica che è presente fin dalla nascita e che rappresenta la prima linea di difesa dei soggetti non ancora immunizzati.

 

Si tratta infatti del sistema di difesa che opera nei soggetti in cui il sistema immunitario non ha ancora avuto il suo completo sviluppo e quindi non è in grado di fornire risposte specifiche e selettive agli agenti patogeni.

 

Del sistema naturale innato fanno parte i linfociti NK, i mastociti, i basofili, gli eosinofili, i macrofagi, le cellule dendritiche e i neutrofili, cellule che sono tutte in grado di identificare e eliminare gli agenti patogeni.

Come funziona l’immunità aspecifica o innata?

La prima linea difensiva corrispondente all’immunità aspecifica o innata dipende dalla presenza di:

  • barriere anatomiche, cioè la cute e le mucose dell’organismo strutturate in modo tale da impedire l’entrata nell’organismo di microrganismi patogeni
  • barriere fisiologiche, tra le quali sono ricomprese la temperatura, dal momento che molti microrganismi non sopravvivono a temperature elevate; il PH, cioè l’acidità gastrica che, nello stomaco, distrugge i microrganismi ingeriti; i fattori solubili che generano un sistema antivirale generalizzato
  • i meccanismi di endocitosi/fagocitosi, che permettono alle cellule di captare il materiale extracellulare che le circonda, come certi microrganismi patogeni, annientandone l’effetto sull’organismo
  • le barriere infiammatorie, tra le prime difese che vengono attivate dall’organismo in presenza di un’azione da parte di un agente nocivo, in risposta a segnali chimici che vengono emessi dalle cellule che vengono attaccate da un microrganismo patogeno.


Qual è la funzione dell’immunità aspecifica o innata?

L’immunità aspecifica o innata è la prima difesa che viene messa in campo nei soggetti che non hanno ancora sviluppato il sistema immunitario.

 

L’intervento dell’immunità aspecifica innata permette di prevenire le infezioni ma anche di eliminare gli agenti patogeni anche nell’ambito delle risposte immunitarie specifiche.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.