Pronto Soccorso / DEA

Qual è l’attività del Pronto Soccorso/DEA

In Humanitas Gavazzeni Bergamo l’attività del Pronto Soccorso/DEA – Dipartimento Urgenza e Emergenza – si articola tra il Pronto Soccorso e la cura dei pazienti degenti nei 10 letti della Medicina d’Urgenza con la stretta collaborazione del reparto di Rianimazione, dell’UTIC – Unità di Terapia intensiva coronarica –, con tutti i reparti dell’ospedale e i servizi di Radiologia, Endoscopia digestiva, Endoscopia toracica, Pneumologia, Endocrinologia e Neurologia.

Il Pronto Soccorso, oltre per le patologie internistiche acute è uno dei riferimenti per quanto riguarda le emergenze e urgenze cardiologiche, cardiochirurgiche e vascolari, di chirurgia generale, chirurgia toracica, urologia e traumatologia/ortopedia.

Gli obiettivi sono il trattamento tempestivo e con un elevato livello professionale delle condizioni di emergenza assoluta, stabilizzando e/o ricoverando il paziente. Il Pronto Soccorso valuta, tratta e dimette i pazienti con condizioni minori, programmando eventualmente i ricoveri differibili.

La Medicina d’Urgenza ricovera in particolare malati con grave compromissione respiratoria e/o cardiocircolatoria e metabolica e sta sviluppando una particolare competenza nel campo della ventilazione non invasiva.

Il triage è lo strumento di cui si avvale il Pronto Soccorso per effettuare una prima valutazione delle condizioni cliniche ed è svolto da personale infermieristico adeguatamente formato. Il triage permette di assegnare un codice colore che stabilisce una priorità di accesso; viene inoltre individuata l’area di destinazione (ambulatori medici, chirurgici, codici bianchi). I codici colore si distinguono in:

  • ROSSO: utente in condizioni critiche e in pericolo di vita
  • GIALLO: utente con condizioni che possono aggravarsi in breve tempo
  • VERDE: utente che non è in pericolo di vita, ma ha un grave livello di sofferenza
  • BIANCO: condizione clinica non urgente.

L’accesso all’area ambulatoriale viene determinato dalle condizioni cliniche e dal codice-colore assegnato dal triage, e non dall’ora di presentazione della persona in Pronto Soccorso.

Per le prestazioni considerate non urgenti (codice bianco, stabilito in uscita dal medico di Pronto Soccorso in base alla Delibera Regionale n. IX/3379 del 09/05/2013) è previsto il pagamento di una quota di compartecipazione all’opera sanitaria (ticket) in base alle disposizioni nazionali e regionali in materia.