Mercoledì 4 ottobre alle ore 17, nell’auditorium di Villa Elios in Humanitas Gavazzeni, si terrà un incontro dal titolo “Sangue: il dovere di donarlo e di risparmiarlo”, organizzato da Humanitas Gavazzeni in collaborazione con AVIS Bergamo.

L’incontro di sensibilizzazione alla donazione del sangue, pensato per il personale dipendente dell’ospedale, è anche aperto al pubblico con ingresso libero.

«Regolamentare la raccolta e le donazioni, attuare un corretto processo di conservazione, strutturare più rigorosamente la gestione delle liste operatorie, correggere l’anemia preoperatoria, ridurre al minimo il sanguinamento chirurgico, ottimizzare la riserva fisiologica, organizzare all’interno degli ospedali ogni singolo percorso che sia inerente ‘la risorsa sangue’ secondo le più moderne indicazioni della “patient blood managment” – dicono Giovanni Albano, responsabile dell’Unità Operativa di Anestesia e Terapia Intensiva, e Antonella Ruello, responsabile operativo dell’emoteca di Humanitas Gavazzeni – sono solo alcune delle strategie “obbligate” da mettere in atto . Ma tutte le premesse e i buoni auspici non sarebbero possibili senza il gesto della donazione. Gli sforzi di buona gestione senza la risorsa principale sono insufficienti. Donare un po’ del proprio sangue dovrebbe essere considerato un atto di civiltà e un dovere morale per chi è in buona salute».

Il programma dell’incontro sulla donazione del sangue

Il programma dell’incontro prevede un’introduzione a cura di Massimo Castoldi, direttore sanitario di Humanitas Gavazzeni, e Giovanni Albano. A seguire Marco Pavesi, presidente dell’associazione scientifica Anemo e anestesista del Policlinico San Donato, parlerà del “Patient Blood Management (PBM): un modello organizzativo al servizio del corretto

consumo di sangue”.

Seguiranno gli interventi di Roberto Guerini, presidente AVIS Comunale Bergamo e di Pasquale Scopelliti, direttore sanitario AVIS Comunale Bergamo su “Il ruolo del donatore – come, dove e perché donare il sangue”.

Quindi Paolo Perazzo, responsabile Servizio Anestesia e Terapia Intensiva dell’Istituto Ortopedico Galeazzi, parlerà del “Ruolo del clinico nell’applicazione del PBM – correzione dell’anemia e trigger trasfusionali”.

Chiuderanno l’incontro Antonella Ruello, responsabile operativo emoteca, e Katia Morstabilini, responsabile Servizi Assistenziali di Humanitas Gavazzeni, che tratteranno l’argomento “L’esperienza di Humanitas Gavazzeni nella rete del SIMT (Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) del ASST Papa Giovanni XXIII, esempio di collaborazione tra ospedali”.