La zucca è un ortaggio tipico della stagione autunnale, tanto da essere uno dei simboli più diffusi in molte culture del mondo; a partire da Halloween che anche in Italia è diventato un’occasione di festa soprattutto per i più piccoli.

Dal punto di vista scientifico invece, la zucca appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee, come anche la zucchina, il cocomero, il cetriolo e il melone, tutti prodotti della terra molto utilizzati nella nostra cucina.

 

Le proprietà della zucca

La zucca è un alimento ricco di caroteni e pro-vitamina A, come rivela il suo colore arancione; ma non mancano anche altre vitamine, come la vitamina C e quelle del gruppo B. Il suo apporto di calorie è molto basso, 18Kcal per 100 grammi, dato che è composta quasi al 95% di acqua. Priva quasi completamente di grassi, le sue poche calorie sono date da carboidrati e una piccola dose di proteine (1,1%).

«Per queste caratteristiche è quindi un ottimo alimento da inserire nella dieta – dice Sabrina Oggionni, dietista dell’Ambulatorio di Nutrizione Clinica e Dietetica di Humanitas Gavazzeni Bergamo –: è dolce, è gradevole e ha poche calorie; inoltre ha un buon potere saziante e per questo è ideale per coloro che vogliono tenere sotto controllo il peso. Con un vantaggio in più: pur essendo dolce, ha solo 3,5 grammi di glucidi su 100 e per questo può essere mangiata anche dalle persone che hanno problemi di diabete; è inoltre un alimento molto digeribile».

 

La zucca in cucina

Dal punto di vista culinario, l’ideale è cuocere la polpa della zucca a vapore o bollirla, per preparare minestroni o zuppe. Oppure cuocerla al forno.

«Ma la stessa polpa può anche essere tagliata a piccoli cubetti da far saltare in padella aggiungendo un poco d’olio, sale, pepe e rosmarino, così da farne un saporito contorno – aggiunge la dietista –. La zucca può essere utilizzata anche per torte dolci o salate: in questo caso meglio comunque non eccedere con le porzioni e accontentarsi di una fetta di media dimensione».