Quando si parla di chiropratica si tende a pensare subito all’ernia del disco. Giusto, ma la pratica che, attraverso l’utilizzo delle mani, correggere i malfunzionamenti della colonna vertebrale non aiuta a prevenire o a curare solamente questa diffusa patologia.

Dei suoi molti utilizzi ne parliamo con gli specialisti del Centro di Chiropratica di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Quale campo d’azione ha la chiropratica?

«Con la chiropratica è possibile curare tutte le forme di alterazioni della colonna vertebrale che sono in grado di generare un cattivo funzionamento del nostro sistema nervoso. Per essere più precisi si può dire che alcune patologie di origine muscolo-scheletriche hanno la capacità di alterare gli impulsi del sistema nervoso – il sistema che, di fatto, comanda tutto il nostro corpo – provocando molte patologie di che possono avere origine sia fisica, sia psicologica».

Su quali patologie, in particolare. interviene la chiropratica?

«Con la chiropratica possono essere curate tutte le problematiche derivanti dalla colonna vertebrale. Si parla dunque di ernia del disco, sì, ma anche di mal di schiena, lombalgia, dorsalgia, cervicalgia, mal di testa, sciatica… La pressione che viene generata sui nervi da una malformazione della colonna vertebrale può inoltre provocare problematiche che all’apparenza non c’entrano niente con la nostra schiena, come l’asma, la gastrite, la costipazione e, a volte, anche i crampi mestruali. Nella cura di queste malattie i chiropratici lavorano a stretto contatto con fisiatri, ortopedici e neurologi per cercare le cause e risolvere i problemi, soprattutto quando i pazienti hanno già assunto una cura di natura farmacologica ma non sono stati ottenuti risultati che possano essere considerati soddisfacenti».

La chiropratica può essere utilizzata anche a livello di prevenzione?

«Sì, certo. Le attività che svolgiamo tutti i giorni vanno in genere a pesare sulla colonna, che è la struttura che sostiene tutto il nostro corpo. Anche una  piccola variazione di allineamento della colonna può provocare, nel tempo, problemi, per cui prima si riesce a intervenire – attraverso la manipolazione, senza quindi utilizzare né farmaci, né medicine – migliori saranno i risultati. Gli studi che sono stati effettuati in questo settore dicono che nell’80% dei casi con la chiropratica è possibile ottenere un miglioramento della sintomatologia».