Lesioni del piede diabetico

Che cosa sono le lesioni del piede diabetico?

Le lesioni del piede diabetico rappresentano una delle complicanze più invalidanti e con il più alto costo sociale ed economico. È la prima causa di ricovero nei pazienti diabetici nel nostro paese.

Nel 1999, l’International Working Group of Diabetic Foot ha definito il piede diabetico “una condizione di infezione, ulcerazione e/o distruzione dei tessuti profondi associata ad anomalie neurologiche e a vari gradi di vasculopatia degli arti inferiori”.

Lo stesso gruppo di esperti nel 2003 ha invece suggerito una definizione diversa e, cioè, “piede con alterazioni anatomo funzionali determinate dall’arteriopatia occlusiva periferica e/o dalla neuropatia diabetica” volendo estendere in questo modo la definizione a una più vasta platea di soggetti diabetici che presentano un elevato rischio ulcerativo.

L’epidemiologia del piede diabetico mostra un quadro allarmante in quanto il 15% dei pazienti presenta una lesione ulcerativa nel corso della vita e circa il 90% delle amputazioni effettuate nella popolazione diabetica per problemi infettivi o ischemici sono precedute da una lesione ulcerativa.

È importante ricordare come dopo circa 20 anni di malattia diabetica, più del 60% dei pazienti mostra una vasculopatia diabetica o una neuropatia diabetica clinicamente evidente.

I programmi di prevenzione delle lesione del piede diabetico rappresentano quindi un punto nodale per evitare il rischio amputativo.

 

Tipologie di lesioni del piede diabetico

Le lesioni del piede diabetico possono essere di origine neuropatica, ischemica o mista e si distinguono in: