Corpo estraneo nella pelle

Che cosa si intende con corpo estraneo nella pelle?

corpi estranei che entrano più sovente nella pelle sono le schegge o le spine. La loro penetrazione nella pelle può provocare un dolore più o meno intenso a seconda della loro grandezza e della profondità di penetrazione e può essere alla base di possibili infezioni.

Le parti di epidermide più soggette alla penetrazione di corpi estranei sono quelle delle mani e dei piedi, quando si cammina scalzi. A rischio sono anche le cosce, quando ci si siede su panchine in legno o su vecchie sedie.

Che cosa bisogna fare in caso di corpo estraneo nella pelle?

In presenza di un corpo estraneo nella pelle bisogna anzitutto lavare la parte colpita con acqua fresca e in seguito disinfettare senza strofinare la parte di pelle interessata.

In secondo luogo bisogna cercare di estrarre la spina o la scheggia. Se un’estremità del corpo estraneo è rimasta esterna, si possono utilizzare pinzette da trucco, debitamente lavate e disinfettate. Il tentativo di estrazione deve essere quanto più delicato possibile, per evitare che la scheggia o spina si spezzi.

Se c’è rottura si può utilizzare un ago, anch’esso disinfettato, per creare uno spazio attorno alla parte ancora da estrarre e facilitarne la fuoriuscita. Ultimata l’operazione bisogna disinfettare e ricoprire il tutto con un cerotto per un paio di giorni.

Che cosa non bisogna fare in caso di corpo estraneo nella pelle?

In presenza di un corpo estraneo nella pelle bisogna evitare di strofinare la parte di epidermide interessata. Non bisogna inoltre utilizzare strumenti (pinzette, ago, ecc.) che non siano stati in precedenza disinfettati, per evitare che si formino infezioni.

Importante avvertenza

Le informazioni di questa scheda forniscono semplici suggerimenti utili a tenere sotto controllo la situazione in caso di attesa dei soccorsi e non sono in nessun caso da considerarsi interventi che possano sostituire l’intervento degli operatori di primo soccorso.