Sin dall’esordio dell’emergenza COVID-19, Humanitas Gavazzeni e Humanitas Castelli si sono attivate per far fronte al nuovo scenario nel rispetto delle disposizioni della Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia e a tutela della salute dei pazienti, professionisti e visitatori.

Numerose sono state le misure organizzative attuate che, giorno dopo giorno, hanno visto cambiare gli spazi degli ospedali per rispondere tempestivamente all’emergenza sanitaria.

In queste settimane, grazie alla progressiva dimissione dei pazienti Covid e alla diminuzione dei ricoveri, abbiamo lavorato per organizzare la parziale ripresa delle attività sanitarie, sempre garantendo la sicurezza dei nostri pazienti e di tutto il personale.

 

Nuove modalità di accesso ai servizi in ospedale

In Humanitas Gavazzeni e Humanitas Castelli le attività ambulatoriali in urgenza (i bollini verdi) non sono mai state interrotte.

A partire dal 4 maggio, riprenderà, gradualmente, la programmazione delle attività ambulatoriali (con visite ed esami) e di ricovero.

Per garantire la sicurezza dei visitatori e dei professionisti, verranno adottate nuove modalità di accesso ai servizi in ospedale:

Prenotazioni

Non sarà consentita la prenotazione di persona agli sportelli.

Visite ed esami saranno prenotabili solo con queste modalità:

Per Gavazzeni: telefonicamente, lunedì – venerdì, ore 9-17, al numero 035.4204.300 | online dal sito www.gavazzeni.it
Per Castelli: telefonicamente allo 035.4204.300

Ritiro referto

Il ritiro referti sarà solo su appuntamento e non ad accesso libero.

Gli esami di laboratorio saranno disponibili sui siti www.humanitasgavazzeni.it e www.humanitascastelli.it nella sezione “Referto Online”.

Gli altri referti potranno essere ritirati su appuntamento, secondo le indicazioni date dal Servizio Clienti in fase di accettazione.

Prestazioni sospese per l’emergenza sanitaria

Il Servizio Clienti ricontatterà i pazienti per fissare gli appuntamenti che erano stati sospesi.

 

Le misure organizzative per garantire la sicurezza dei pazienti

Al fine di tutelare la salute dei propri pazienti e dei propri dipendenti, gli ospedali Humanitas di Bergamo hanno adottato una serie di accorgimenti che garantiscono la sicurezza dell’accesso e della permanenza in ospedale:

Check point


Controlli agli ingressi degli ospedali per le opportune rilevazioni di sicurezza (misurazione temperatura corporea, igiene delle mani e questionario anamnestico).

Dispositivi di protezione

È garantita la fornitura e l’uniformità dei dispositivi di protezione individuali, sia per gli operatori sanitari che per i pazienti, e gli spazi vengono continuamente sanificati.

Accesso negato agli accompagnatori

Non è permesso l’ingresso degli accompagnatori, salvo casi di inabilità o paziente minorenne.

L’accesso dei visitatori alle degenze rimane ancora sospeso.

Distanza sociale

Gli orari di servizio sono stati rimodulati e ampliati.

Sono stati regolamentati gli accessi e predisposte misure cautelative in tutte le aree di attesa.

Chiediamo dunque di prestare la massima attenzione alla nuova segnaletica presente negli ospedali: adesivi sul pavimento, contrassegni colorati su sedute, ascensori, corridoi.

Sempre per evitare l’assembramento di persone nei luoghi comuni (Accettazioni, Sale di Attesa, ecc.) e garantire la distanza di sicurezza per tutta la permanenza negli ospedali, sarà presente una persona addetta ai flussi.