«Sì, è vero, spesso il soffio al cuore è del tutto innocuo», spiega il dottor Franco Santoro, cardiologo di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

«Lo è quando corrisponde al cosiddetto “soffio al cuore benigno o funzionale” che è un tratto caratterizzante del cuore dei bambini o degli atleti che svolgono sport a livello agonistico e si sottopongono a sedute di allenamento dure e continue. Negli adulti può anche comparire in momenti di stress, febbre alta, anemia e gravidanza.

Il soffio al cuore benigno non rappresenta un problema dal punto di vista patologico e tende a scomparire da solo quando viene meno la causa che l’ha generato.