Epilazione con il laser

Epilazione: come eliminare i peli superflui con il laser?

Ridurre i peli superflui è una battaglia che soprattutto le donne, ma anche gli uomini, intraprendono d’estate, quando con la bella stagione e le alte temperature si inizia a esporre la pelle al sole.

Avere un corpo liscio e vellutato, per sempre, diventa quindi una priorità estetica alla quale le nuove tecnologie offrono soluzioni soddisfacenti.

Oggi ridurre l’inestetismo dei peli è possibile grazie ad apparecchi di ultima generazione che sfruttano il raggio laser per l’epilazione.

Per epilazione si intende un procedimento attuato sui peli presenti che non è definitivo e permanente, ma prolungato nel tempo e necessita di mantenimenti. I risultati si considerano buoni se si ottiene un diradamento dei peli del 40-80%, mentre il rimanente 20-30% si trasforma in sottile peluria (lanugine).

I risultati e le percentuali variano a seconda del fototipo e delle zone trattate (le pelli chiare con peli scuri rispondono meglio; alcune zone, come il dorso delle mani o le dita non rispondono affatto).

 

Come funziona il laser per l’epilazione?

La luce laser colpisce direttamente il bulbo del pelo e, per vicinanza, anche le cellule germinative che ne attivano la ricrescita.

La fase di ricrescita del pelo – che dal punto di vista della terminologia medica definiamo “anagen” – è la fase in cui il pelo è più colorato e ricco di melanina, e quindi ottimo bersaglio per la luce laser.

 

I trattamenti per l’epilazione con il laser

Per un risultato ottimale è necessario colpire tutti i bulbi piliferi in fase di crescita (fase anagen). La percentuale garantita di non ricrescita si attesta attorno all’70-80% con grande variabilità da individuo a individuo

A differenza di trattamenti simili quale la luce pulsata, il laser permette di eseguire l’intervento anche su pelli abbronzate e su pelli olivastre o scure. Il trattamento per l‘epilazione inoltre non provoca né fastidio né dolore.

 

Uomini ed epilazione con il laser

Il trattamento dell’epilazione con il laser può essere effettuato anche dagli uomini per l’eliminazione di peli sulla schiena e sulle gambe oltre che sull’addome.

 

Il laser per migliorare l’irsutismo femminile

L’irsutismo provoca un’eccessiva presenza di peli sul corpo femminile in sedi che sono tipiche del corpo maschile, e si associa a uno squilibrio ormonale. È solitamente di natura genetica ed ereditaria.

Con questo tipo di tecnologia laser è possibile intervenire per migliorare l’irsutismo associando questo trattamento a un buon controllo endocrinologico della patologia di base.

 

Come viene eseguita l’epilazione con il laser?

Lo strumento del laser per l’epilazione è costituito da un corpo dal quale si stacca un braccio articolato sul quale possono essere raccordati diversi manipoli. In relazione alla sede da trattare viene montato uno specifico manipolo che emette raggio laser a diverse potenze. È possibile percepire, durante la seduta, un lieve dolore.

Il trattamento viene eseguito solo in Ambulatori dedicati e che rispondono a particolari norme di sicurezza. Durante il trattamento viene chiesto al paziente di calzare appositi occhiali che proteggono la retina dall’emissione laser.

Il procedimento consiste nell’applicazione di più sedute (in media 4-7) seguite da una-due sedute annuali di mantenimento con un laser di adeguata lunghezza d’onda che, riscaldando il pelo con un effetto termo fisico, danneggia il bulbo pilifero.

I peli trattati sono quelli di colore scuro: l’epilazione laser non ha nessun effetto sui peli bianchi, rossi e biondi. Questo perché il bersaglio del laser è la melanina, il pigmento che dà il colore alla pelle e ai peli, e quindi più il pelo è pigmentato più sarà danneggiato dalla luce laser.

Tale trattamento elimina i peli in fase di crescita, denominata Anagen. Nell’uomo i cicli vitali dei peli non sono sincronizzati, per ottenere una riduzione dei peli (40-80%) sono necessarie più sedute di depilazione (4-7 o più ancora).

Questi trattamenti, con strumenti di ultima generazione, non necessitano:

  1. di alcun tipo di anestesia poiché non sono dolorosi come lo erano gli strumenti a luce pulsata,
  2. di preparazione: è possibile eseguire le sedute laser anche su pelli abbronzate, quindi nei mesi estivi, e in fototipi scuri.

 

Istruzioni per il trattamento di epilazione con laser

PRIMA DEL TRATTAMENTO

  • Nelle 4-6 settimane antecedenti il trattamento è necessario non effettuare depilazioni con cerette e/o pinzette, non usare il guanto di crine e non decolorare i peli
  • depilarsi con il rasoio 1 giorno prima del trattamento
  • evitare l’esposizione solare e a lampade UV per 2 settimane prima del trattamento
  • sospendere l’uso delle creme abbronzanti 30 giorni prima dell’inizio del trattamento
  • nei 2 giorni precedenti la seduta e il giorno della stessa non praticare peeling casalinghi con creme esfolianti, 
né cospargersi di profumi o tonici a base alcolica il giorno stesso del trattamento né prima né dopo il 
medesimo e nei giorni a seguire.

DOPO IL TRATTAMENTO

  • Dopo la terapia la cute è arrossata più o meno intensamente e tale rimarrà per almeno 1-5 giorni. Vi sono anche zone puntiformi di gonfiore e di edema, simili a quelle delle punture di insetti, a livello dei follicoli piliferi: ciò non è altro che l’esito della esplosione del pelo nel follicolo con conseguente danneggiamento del follicolo stesso (meccanismo che sta alla base dell’epilazione persistente e testimonianza del buon esito della terapia)
  • a livello di questi punti o nelle zone più intensamente arrossate si può evidenziare anche un minimo scollamento cutaneo che porta alla formazione di micro vescicole e quindi di “crosticine” tipo intensa scottatura solare estiva. Per evitare il più possibile questi fenomeni il paziente dovrà applicare sulla cute la crema antibiotica eventualmente prescritta per i primi giorni dopo il trattamento.
  • evitare traumatismi nella zona trattata per una settimana dopo la seduta (peelings, scrub…).

 

Per maggiori informazion vedi il Centro Laser di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Unità operative e Ambulatori Specialistici