Epatite virale A, B, C, D – Trattamento medico

In che cosa consiste il trattamento medico dell’epatite virale A, B, C e D?

Epatite A

Non esiste un trattamento specifico per l’epatite A; il controllo della patologia avviene soprattutto a norme preventive e di profilassi post-esposizione.

Attualmente esiste un vaccino, non obbligatorio. Nei casi più gravi si può ricorrere al trapianto d’organo.

Epatite B

Il controllo dell’epatite B si fonda prevalentemente sul trattamento specifico dei soggetti con epatite cronica e in fase di alta riproduzione del virus.

La terapia si basa sulla somministrazione di interferone, soprattutto alfa-inferferone e farmaci antivirali. La terapia va personalizzata caso per caso e non è priva di effetti collaterali. Inoltre, non è indicata in tutti i casi. Il consumo di alcolici peggiora l’epatite virale B.

Nei casi più gravi si può ricorrere al trapianto d’organo.

Epatite C

Attualmente, l’epatite C viene trattata con interferoneribavirina e nuovi antivirali (DAA), ma la terapia deve essere valutata dal medico sulla base dei singoli casi, anche in considerazione degli effetti collaterali che la terapia può indurre, soprattutto nei soggetti anziani. D’altra parte la terapia è controindicata in diverse situazioni, per esempio: cirrosi epaticainsufficienza renalemalattie autoimmuni e altre. Il consumo di alcolici peggiora l’epatite virale C.

Nei casi più gravi si può ricorrere al trapianto d’organo.

Epatite D

Alcuni pazienti con epatite cronica D possono essere trattati con interferone-alfa. Nei casi più gravi si può ricorrere al trapianto d’organo.

Unità operative e Ambulatori Specialistici