Bypass coronarico mini invasivo

Quando viene eseguito il trattamento chirurgico di bypass coronarico mini invasivo?

Il bypass coronarico mini invasivo è un approccio chirurgico meno invasivo dell’intervento tradizionale di bypass coronarico, operazione che viene eseguita quando si è in presenza di una coronaria bloccata od occlusa.

In genere, il bypass coronarico mini invasivo viene previsto per soggetti che non sono in condizioni di sottoporsi a un intervento tradizionale di bypass coronarico perché il loro cuore è troppo debole o non possono assumere anticoagulanti.

In che cosa consiste il trattamento chirurgico del bypass coronarico mini invasivo?

Il bypass coronarico mini invasivo si effettua attraverso una o più piccole incisioni effettuate tra le coste.

L’intervento di bypass coronarico mini invasivo non richiede che sia fermato il cuore (cardioplegia) né che venga utilizzata la macchina cuore-polmone.

Qual è il decorso di un bypass coronarico mini invasivo?

La ripresa del paziente sottoposto a intervento di bypass coronarico mini invasivo è più rapida, le complicazioni e i dolori post-operatori sono decisamente minori rispetto al paziente sottoposto a intervento tradizionale di bypass coronarico.

I pazienti sottoposti a intervento di bypass coronarico mini invasivo vengono dimessi di norma 2-3 giorni dopo l’intervento. Dopo 2 settimane possono tornare a una vita normale contro le sei/otto settimane previste per il recupero che fa seguito a un intervento tradizionale.

Unità operative e Ambulatori Specialistici