Corsi preparto, nuova fascia oraria serale e riapertura iscrizioni

Parte il 13 aprile il primo corso serale di accompagnamento alla nascita di Humanitas San Pio X e, vista la numerosa domanda, riaprono le iscrizioni ai corsi preparto di aprile e maggio.

Il programma

Sono previsti 11 incontri teorico-pratici aperti alla partecipazione di piccoli gruppi di genitori. Tra i temi che verranno affrontati:
  • gravidanza
  • alimentazione
  • nascita
  • travaglio-parto
  • dolore (metodi naturali e farmacologici)
  • allattamento e nutrizione neonatale
  • genitorialità
  • movimento e posizioni libere in travaglio di parto
I professionisti coinvolti sono ostetrica, ginecologo, psicologo, anestesista e neonatologo.

Calendario e iscrizioni

È possibile partecipare al corso di accompagnamento alla nascita solo previa registrazione, impegnativa del medico e pagamento del ticket. Per iscriverti consulta il calendario degli incontri, registrati online o contatta il numero 02.69517421.
  • 5 aprile 2017 (Data Presunta Parto GIUGNO)
Consulta il programma del 1° gruppo Consulta il programma del 2° gruppo Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
  • 4 maggio 2017 (Data Presunta Parto LUGLIO)
Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita

Nuovo corso preparto serale

Scarica il programma del corso serale di accompagnamento alla nascita e registrati.
  • 13 aprile 2017 (Data Presunta Parto GIUGNO e LUGLIO)
Eventbrite - Corso serale di accompagnamento alla nascita

Obiettivi dei corsi preparto

Il corso preparto nasce con l’obiettivo di aiutare i futuri genitori a:
  • vivere l’attesa in modo sereno e prepararsi ad affrontare il delicato momento del parto nel miglior modo possibile
  • vivere con consapevolezza e fiducia l’esperienza di nascita del proprio figlio, confrontandosi con professionisti e con gli altri partecipanti
  • entrare in stretto contatto con l’ostetrica, punto professionale di riferimento in tutto il percorso, dagli esami di gravidanza, al momento del parto, all’allattamento.

Corso di accompagnamento alla nascita, il calendario

In Humanitas San Pio X i futuri genitori si possono preparare al giorno più bello con il supporto di un team di esperti multidisciplinare.

Perché frequentare un corso?

  • Per vivere l’attesa in modo sereno e prepararsi ad affrontare il delicato momento del parto nel miglior modo possibile
  • Per vivere con consapevolezza e fiducia l’esperienza di nascita del proprio figlio, confrontandosi con professionisti e con gli altri partecipanti agli incontri
  • Per entrare in stretto contatto con l’ostetrica, punto professionale di riferimento in tutto il percorso, dagli esami di gravidanza, al momento del parto, all’allattamento.

Il corso base

Gli incontri teorico-pratici previsti sono 11 e sono aperti alla partecipazione di piccoli gruppi di genitori I temi affrontati sono gravidanza, alimentazione, nascita, travaglio-parto, dolore (metodi naturali e farmacologici), allattamento e nutrizione neonatale, genitorialità, movimento e posizioni libere in travaglio di parto I professionisti coinvolti sono ostetrica, ginecologo, psicologo, anestesista e neonatologo.

Calendario e iscrizioni

È possibile partecipare al corso di accompagnamento alla nascita solo previa registrazione, impegnativa e pagamento del ticket. Per iscriverti consulta il calendario degli incontri qui di seguito e iscriviti online o contatta il numero 02.69517421.
  • 03 febbraio 2017 (Data Presunta Parto APRILE)
Consulta il calendario degli incontri Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
  •  07 febbraio 2017 (Data Presunta Parto APRILE)
Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
  •  03 marzo 2017 (Data Presunta Parto MAGGIO)
Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
  •  05 aprile 2017 (Data Presunta Parto GIUGNO)
Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
  •  04 maggio 2017 (Data Presunta Parto LUGLIO)
Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita
 

Corso pre-parto in Humanitas San Pio X

Il 5 aprile 2016, l’Ospedale Humanitas San Pio X darà il via al corso pre-parto e post-parto dedicato alle donne in gravidanza con termine previsto nel mese di giugno.

Sono previsti 11 incontri teorico-pratici con l’ostetrica, il ginecologo, lo psicologo, l’ anestesista e il neonatologo.

Dopo il parto è previsto un ulteriore incontro per discutere dei primi bisogni e delle prime esperienze del neonato.

Il corso di accompagnamento alla nascita è utile per aiutare le future mamme a vivere la nascita serenamente, con consapevolezza e fiducia, confrontandosi con le altre partecipanti agli incontri e per preparare la coppia ad affrontare il delicato momento del parto nel miglior modo possibile. Consulta il calendario del corso pre-parto e prenota il tuo posto. Eventbrite - Corso di accompagnamento alla nascita e post-parto

Humanitas MAMA, grande successo per lo speciale Open Day del Punto Nascita

Grande successo per il primo Humanitas MAMA, lo speciale open day di Humanitas San Pio X dedicato alla salute delle mamme di oggi e di domani che sabato 15 ottobre ha dato vita a tanti corsi ed eventi.

Una giornata dedicata dai nostri esperti alle mamme di oggi e di domani

Per tutta la giornata ginecologi, neonatologi, anestesisti e ostetriche di Humanitas San Pio X hanno risposto ai dubbi e alle curiosità delle tante coppie e mamme con passeggini o pancione. Sold out le iscrizioni alle visite guidate al Punto Nascita, le sedute di osteopatia neonatale e le ecografie 3D offerte alle famiglie. Grande interesse per i corsi di massaggio neonatale, yoga in gravidanza, riabilitazione del perineo, i laboratori musicali per piccolissimi e per i futuri genitori realizzati con l’Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale (AIGAM) e il corso sul linguaggio segreto dei neonati in collaborazione con il Gruppo di Educazione Pediatrica e Ostetrica (GEPO). Mamme, papà e nonni hanno imparato le manovre salvavita pediatriche insieme alla Croce Rossa Milano e a come trasportare in maniera sicura in auto il proprio bebè, grazie ai consigli della Polizia Locale.

Spazio ai più piccoli

Per l’occasione, l’area accettazione dell’ospedale si è trasformata in MAMAPLAY dove i bambini da 2 a 8 anni hanno disegnato, ascoltato le storie raccontate dai lettori della Libreria dei Ragazzi, e imparato a seguire stili di vita sani nel grande Gioco dell’Oca della Salute.

Noi ci vogliamo bene

Nel pomeriggio, invece, spazio alla corretta alimentazione in pre-concepimento, gravidanza, allattamento e svezzamento nel talk show “Noi ci vogliamo bene”, insieme a Marco Bianchi, chef e divulgatore scientifico di Fondazione Veronesi, la nutrizionista Simona Ferrero, la Dott.ssa Paola Marangione, responsabile dell’Unità Operativa di Neonatologia e Patologia Neonatale, e il Dott. Alessandro Bulfoni, responsabile dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia.

Un ricordo speciale

Infine ogni pancione ha avuto la sua foto, da solo, in coppia o in famiglia. All’interno del video troverete alcuni dei momenti più belli raccontati da chi ha partecipato in prima persona a questa giornata unica per raccontare tutte le novità del Punto Nascita.

Ritorna l’Open Day del Punto Nascita

Sabato 11 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 14.00 ritorna l’Open Day del Punto Nascita di Humanitas San Pio X, un evento dedicato alle future mamme e ai futuri papà che durante la mattinata potranno conoscere i servizi e gli specialisti e visitare gli spazi del Punto Nascita. Sarà l’occasione per avere risposte a tutti i dubbi e le curiosità del percorso maternità. L’evento è gratuito, alcune attività sono su prenotazione.

Visite guidate al Punto Nascita

Durante le visite guidate al Punto Nascita, i futuri genitori potranno visitare gli spazi dedicati alla maternità, (il reparto, le sale parto, il nido, le sale visita e gli ambulatori), guidati dalle ostetriche di Humanitas San Pio X. Le visite sono gratuite previa prenotazione online.

Orari

Numero di posti disponibili: 15 (1 ticket a persona).
  • 10.00 – 11.00
POSTI ESAURITI
  • 11.00 – 12.00
POSTI ESAURITI
  • 12.00 – 13.00
POSTI ESAURITI
  • 13.00 – 14.00
POSTI ESAURITI
  • 14.00 – 15.00 (new)
POSTI ESAURITI
Durata: 45 minuti ca

Desk informativi

Per l’intera mattinata le future mamme e i futuri papà potranno conoscere tutti i servizi del Punto Nascita (pre e post parto) incontrando direttamente, il team multidisciplinare di ginecologi, ostetriche, neonatologi ed anestesisti.

Guarda in faccia il tuo bambino

Ecografia 3D per mamme dalla 22esima alla 30esima settimana di gestazione. Grazie all’esecuzione di un’ecografia, non finalizzata alla diagnostica della morfologia e del benessere fetale, con strumentazione bi e tridimensionale, potrai “vedere” il tuo bambino davvero da vicino e, se lo vorrai, potremo stampare alcune immagini. La prestazione è erogata gratuitamente, previa prenotazione telefonica allo 02.69517500 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 11.00).

Russare, quando il problema inizia con la gravidanza

Secondo alcuni studi, circa il 30% delle donne russa durante la gravidanza e il 26% di loro ha proprio iniziato a russare in concomitanza con la gestazione. Ma perché si russa? Lo abbiamo chiesto al dottor Fabrizio Salamanca, Referente del Centro per la Diagnosi e Cura della Roncopatia. “Il fenomeno – spiega il dottor Salamanca – è legato al rilassamento delle vie aeree superiori e alla loro parziale chiusura durante il sonno: questo rende più difficoltoso l’approvvigionamento di aria attraverso il naso e la bocca”. In gravidanza poi, l’utero, man mano che cresce, va a spingere sul diaframma e complica così la respirazione, soprattutto se si sta sedute o distese. “Gli elevati livelli di estrogeni circolanti, poi, gonfiano le mucose nasali e – continua il dottore – anche il volume del sangue aumenta: si tratta di due fenomeni che influiscono sulla buona respirazione”. Anche il peso in eccesso è un fattore che contribuisce al russamento, così come lo stress.

Russare in gravidanza è rischioso?

Se si russa in gravidanza è bene consultare il medico. Le gestanti che russano infatti corrono un rischio maggiore di ipertensione, stanchezza e preeclampsia. “Se al russare si aggiunge la pressione alta, il rischio – spiega il medico – è di andare incontro ad apnee ostruttive del sonno: un disturbo che si caratterizza per ripetuti episodi di ostruzione delle vaie aeree superiori durante il sonno. Un’altra conseguenza potrebbe essere l’insorgenza del diabete gestazionale: una carenza di ossigeno infatti altera il metabolismo del glucosio. Russare è stato infine anche associato a depressione in gravidanza e nel post-partum”. 

I consigli per evitare di russare

Ecco alcuni consigli per evitare di andare incontro al disturbo.

Respirare bene

Lavorare sulla respirazione durante il giorno potrebbe aiutare a respirare meglio nel corso della notte. È consigliabile dunque esercitarsi a respirare sempre dal naso e se si fa fatica, procedere a respirare con la bocca, ma lentamente.

Controllare il peso corporeo

In gravidanza l’aumento di peso è fisiologico, è bene però contrastare gli eccessi e prestare attenzione alla propria alimentazione.

Assumere una posizione corretta

È consigliabile dormire sul fianco sinistro; questo ottimizza il flusso di sangue. Per farlo, ci si può aiutare con dei cuscini, ne esistono anche di appositi per la gravidanza. Esiste, inoltre, un nuovo dispositivo, il Night Shift, che si applica con una fascetta sulla nuca prima di andare a dormire e che invia delle vibrazioni alla paziente che si trova in posizione supina e, senza svegliarla, la fa girare su un fianco.

Non andare a letto subito dopo aver mangiato

È preferibile far trascorrere qualche ora tra la cena e il riposo notturno. Alla sera poi, è bene mangiare leggero ed evitare gli zuccheri, che possono aumentare il tasso di respirazione quando vengono metabolizzati e dunque indurre russamento.

Terapia topica con farmaci nasali

Tali farmaci non vengono assorbiti dall’organismo e migliorano la respirazione. È possibile anche sottoporsi a radiofrequenza dei turbinati, un’applicazione che si effettua in anestesia locale (spray locale di anestesia) in grado di decongestionare i turbinati per anni. I cerotti nasali, invece, non hanno nessun effetto sull’aumento del volume dei turbinati dovuto alla rinite ormonale della donna in gravidanza.

Utilizzo di dispositivi Orali MAD (Mandibular Advancement Device)

Questi dispositivi possono aiutare in gravidanza perché in molte donne, durante il sonno basta avanzare di poco la mandibola, per avere una decisa diminuzione del russamento e la scomparsa delle apnee. “È importante – conclude il dottor Salamanca – non sottovalutare il russamento e le apnee in gravidanza e sottoporsi ad una polisonnografia ed ad una visita specialistica appena si ha un sospetto in questo senso”.