Sangue nel catarro (emoftoe)

Che cos’è il sangue nel catarro?

Il sangue nel catarro, o emoftoe, consiste in perdite di sangue che provengono da qualche punto dell’apparato respiratorio e che si mischiano al catarro.

A seconda della quantità di sangue, il catarro (espettorato) può assumere un colore rosso più o meno intenso. Più sangue è presente, e dunque più rosso è il catarro, più è grave il problema che sta alla base di queste perdite.

 

A quali altri sintomi si può accompagnare il sangue nel catarro?

Quando il problema è di una certa gravità, al sangue nel catarro si possono associare altri sintomi come febbre, dolore al petto, vertigini, mancanza di respiro (dispnea), sangue nelle urine e sangue nelle feci.

 

Quali sono le cause del sangue nel catarro?

La presenza di sangue nel catarro può essere causata da forti traumi subiti e da varie patologie, tra le quali sono ricomprese: bronchite, broncopneumopatia cronica ostruttiva, cancro della laringe, cancro della tiroide, edema polmonare, embolia polmonare, enfisema polmonare, fibrosi cistica, frattura costale, lesione dell’arteria polmonare, lesione polmonare, lupus erimatoso sistemico, mal di gola, malformazione cardiaca, polmonite, tubercolosi, tumore al polmone.

 

Quali sono i rimedi contro il sangue nel catarro?

Il sangue nel catarro si cura individuando e intervenendo sul problema che ne sta alla base.

 

Sangue nel catarro, quando rivolgersi al proprio medico?

In presenza di sangue nel catarro bisogna sempre rivolgersi al proprio medico, soprattutto quando questo è abbondante o si associa agli altri sintomi sopra elencati.

Se la presenza di sangue è conseguente a un trauma o a una forte contusione al torace è bene rivolgersi al più presto a un pronto soccorso.

 

Area medica di riferimento per il sangue nel catarro

Per maggiori informazioni sul sangue nel catarro, vedi l’Unità Operativa di Pneumologia di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.